2018 - Tecnologie e sviluppo del benessere psicobiologico /

L'adulto deve favorire la solidità del Sé dei ragazzi

L'adulto deve favorire la solidità del Sé dei ragazzi

01 Novembre 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share

Il libro di Carlo Mazzucchelli Tecnologie e sviluppo del benessere psicobiologico è pubblicato nella collana Technovisions di Delos Digital

L'adulto deve favorire la solidità del Sé dei ragazzi

 

“Chi è il padrone, voi o il mondo moderno? Il mondo bombarda la vostra mente riempiendola di informazioni provenienti da conversazioni, lezioni, giornali, TV e Internet. Dovete stare in guardia e filtrare ogni notizia, scegliendo cosa valga la pena di ricordare e decidendo cosa sia vero o falso. In caso contrario, vi troverete alla sua mercè e vivrete una vita di cui altri avranno il controllo e che voi potrete gestire solo alla giornata.” 

- Osa pensare di James R. Flynn 

 

Siamo giunti alla conclusione, alla fine dell’elenco di quelle che abbiamo descritto come le buone pratiche per il benessere psicobiologico dei ragazzi. 

Tutte le regole proposte, lo ricordiamo ancora, pur contenendo riflessioni critiche sull’uso della tecnologia, non devono essere pensate come ispirate da tecnofobia e non costituiscono un atto di accusa alla tecnologia. Mettono in evidenza i rischi di un suo uso inadeguato, irrispettoso dei bisogni e delle caratteristiche del Sé nella fase dello sviluppo. Rischi che oggi risultano essere facilitati dal clima culturale generale, ispirato e colonizzato anche cognitivamente dalla pervasività della tecnologia, ma anche dalle incertezze nel ruolo genitoriale. Quelle che abbiamo proposto sono regole per un uso sostenibile della tecnologia, con varie norme prudenziali. 

Anche se noi ci crediamo assolti … 

Una parafrasi meno accusatoria per una assunzione di responsabilità[1]

Guardando ai propri figli e alle loro azioni, ancora oggi si dice troppo spesso “è il carattere!”. Che poi sarebbe come dire che noi genitori non c’entriamo nulla con come è diventato (sta diventando) nostro figlio. Sintomo di una resa a un destino pre-determinato (magari geneticamente), di fronte al quale ci si trova  senza potere né colpe, ma in balia degli eventi e del fato crudele. Un comodo ma depressivo alibi deresponsabilizzante. Un alibi che, dati scientifici alla mano, non sta in piedi e che dovrebbe essere oggetto di riflessione critica continua, alla ricerca di come fare a eliminarlo. 

Le scoperte dell'epigenetica (vedi Nota 21 e Premessa), affermando che gli stili di vita modificano l'espressione genica e che tali modifiche sono reversibili, hanno mandato in crisi il determinismo genetico e aperto un orizzonte di gestione possibile, quindi di responsabilità e potere che abbiamo solo da assumere. Non possiamo essere assolti (ovvero essere esentati dai nostri compiti) sinché c'è un orizzonte di cambiamento possibile. Un orizzonte caratterizzato da biforcazioni e possibilità multiple, che dura per noi genitori per tutta l’età evolutiva e che prosegue anche successivamente. 

Poiché non abbiamo adempiuto al compito giungendone al termine, non siamo esentati dall'assumercene il carico. La responsabilità che ne deriva, lungi dall’essere un fardello e un’ammissione di colpa, è l’orizzonte di azione che abbiamo a portata di mano e che, se assunta in modo consapevole, diviene potere. Espressione di potenza soggettiva capace di dare forma alle possibilità esistenti attualizzandole. 

Come genitori abbiamo dalla nostra esperienza, forza e motivazione, alle quali possiamo aggiungere consapevolezza scientifica. Le conoscenze scientifiche non sono solo degli scienziati ma di tutti. Devono poter essere utilizzate nella vita quotidiana per non perdere gran parte della loro potenzialità. Sta alla scienza aprirsi alla società ma anche a tutti noi andare consapevolmente ad attingerci alle conoscenze scientifiche, alla ricerca di antidoti adeguati alle incertezze dilaganti dell’era post-moderna, nella quale la verità (anche scientifica) è stata ampiamente relativizzata, e non solo dalle fake news o dalle false verità (anche scientifiche). 

In particolare nelle scienze umane biologiche è in corso una vera e propria rivoluzione che sta modificando il paradigma di fondo, prima basato su modelli riduzionisti e che oggi apre invece a una visione dell’umano nella sua interezza e nel suo fondamentale rapporto con l’ambiente e la cultura. 

CONSIGLIATO PER TE:

GLOSSARIO

Possiamo cogliere l’essenziale continuità tra il mondo del micro (quello del biologico molecolare) e il macro della cultura, società, ambiente (che nella vita quotidiana vuol dire essenzialmente emozioni e relazioni). Possiamo capire che non sono né il macro né il micro a produrre i funzionamenti, adattivi o disfunzionali, del Sé: le evidenze scientifiche ci dicono che non ci sono organi, luoghi corporei o processi deputati a fare una cosa in esclusiva ma solo processi implicati in (Cit. parag. 1). È  il network, la Rete, il sistema integrato e reticolare, l’essenza dell’Homo sapiens. In un sistema circolare ogni punto è una porta di accesso. Possiamo accedervi con un contributo consapevole alla salute o adagiarci su automatismi. 

Nel primo caso, anche se parte del mondo procede diversamente, in questo processo siamo padroni di casa. Teniamo in pugno le chiavi  senza abdicare. Facciamo subito qualcosa 

… Siamo lo stesso coinvolti 

I giochi non sono finiti, il Sé è flessibile non solo nelle età dei nostri figli ma anche nella nostra. Continuerà a esserlo anche in quelle successive. Il nostro cervello si è modificato continuamente nel corso della nostra vita e continuerà a modificarsi, formando nuove cellule e creando nuove connessioni, in barba a uno dei tanti dogmi che hanno incernierato la comprensione del Sistema Nervoso umano sino quasi alla fine del '900: la non rigenerabilità dei neuroni. 

Si riteneva che le cellule cerebrali[2] costituissero una sorta di bonus, consegnatoci alla nascita, e destinato al solo consumo. Al massimo potevamo gestire il patrimonio in modo oculato o dissennato. Oggi sappiamo invece che continuamente si formano nuove cellule, in un processo appunto definito Neurogenesi[3]. Per quanto il ritmo di produzione non sia comparabile con quello elevatissimo della primissima infanzia, la scoperta (oltre ad aprire nuove possibilità di cura) testimonia che vi è sempre la possibilità per accogliere, gestire e fissare nuove informazioni e nuovi apprendimenti. I giochi proseguono con la vita. Con essi il coinvolgimento. 

Come geniotri non abdichiamo quindi! Sentiamoci coinvolti, gettando via il senso di colpa assieme al “tanto ormai, non ci possiamo fare più nulla!” 

Se si è deciso di non abdicare e si è alla ricerca delle informazioni e conoscenze utili a favorire uno sviluppo sano di bambini sempre più incantati e incatenati dalla tecnologia, gli strumenti informativi sono numerosi, soprattutto in Rete. 

Qui noi ne proponiamo uno, in forma di questionario (vedi a seguire), che permette quasi un esame di coscienza, finalizzato non a individuare colpe da assolvere con penitenze, ma a evidenziare margini di azione per implementare il proprio ruolo di guida. Anche e soprattutto nell’era tecnologica attuale. 

È un semplice questionario autovalutativo, ma con ambizioni operative che propone alcune scelte possibili: Molto, Abbastanza, Poco, Per Niente. Non è un test. Ogni risposta Poco o Per niente è chiaramente negativa, spia ma non certezza di un'area di rischio. Ciò che più conta è lo spazio potenziale di spostamento verso la sinistra (molto – abbastanza – poco – per niente), verso il Molto: è quello il cambiamento ancora possibile, l'orizzonte di potere che possiamo agire. In che modo posso agirlo, effettuando il cambiamento è progettualità operativa individuale e familiare, per la quale, si spera, le regole che abbiamo proposto in questo e-book possano essere state di aiuto. 

La proposta è di utilizzarlo in 3 modi: 

•        Primo uso: compilatelo individualmente con sincerità, senza barare e dedicando alcuni attimi in più alla riflessione se non è chiara la risposta. Non c'è alcuna fretta, la riflessione è più importante che la risposta in sé. Però non lasciamo in bianco alcuna casella. 

  • Secondo uso: confrontatelo con l'altro genitore, o con la persona che è più vicina a quel ruolo. Prendetelo come occasione di condivisione e riflessione ulteriore, un passo avanti nella programmazione dello spostamento verso sinistra. 
  • Terzo uso: confrontatelo con i figli, come un gioco di società. Anche un po’ per volta, in più occasioni. Se il figlio è piccolo trasformatelo nel lessico adeguato alla sua età (già questo è un utile sforzo). Vuole essere un’occasione di avvicinamento, una discussione sui temi della tecnologia intrecciata alla relazione tra noi. In alcuni punti non sarà facile, ma abbiamo dalla nostra esperienza, amore, motivazione e conforto scientifico … per ridurre il Gap. 

 

QUESTIONARIO OPERATIVO

Molto – Abbastanza – Poco – Per niente        O          O              O             O

 

  • Quanto affrontiamo l'argomento tecnologie?
  • Quanto diamo regole?
  • Sono efficaci?
  • Riusciamo noi stessi a rispettarle?
  • Nella relazione con i figli è stato attraversato in modo soddisfacente il seguente Funzionamento di fondo? (rileggiamo, insieme se nel secondo o nel terzo uso del questionario,  l'elenco del paragrafo precedente, riflettendo su ognuno)

 

  • Tenuti                                  
  • Contatto                     
  • Lasciare             
  • Tenerezza                   
  • Amore                        
  • Condivisione                        
  • Considerati                          
  • Sensazioni                  
  • Calma
  • Controllo
  • Forza
  • Consistenza
  • Affermazione
  • Vitalità
  • Piacere
  • Creatività
  • Autonomia

 

[1]   “Anche se voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti…  recita nel 1973 Fabrizio De Andrè ne “La canzone del Maggio”, all'interno dell’album “La storia di un impiegato”. Allora duro atto di accusa alla Borghesia.

[2]  Le cellule cerebrali non sono solo i neuroni deputati alla trasmissione degli impulsi nervosi. Via sono altre cellule con funzioni di supporto come le cellule della glia. 

[3]  Processo attraverso il quale vengono generati nuovi neuroni da cellule immature. Si possono distinguere due tipi di neurogenesi: la neurogenesi durante lo sviluppo, che dà origine alle cellule nervose e gliali destinate a formare i tessuti del sistema nervoso, e la neurogenesi dell’adulto, il cui significato è legato alla plasticità funzionale di determinate aree cerebrali. (Enciclopedia Treccani)

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database