Donne acrobate e uomini in progress /

“FUORI DAL MIO GIARDINO” - Come i dispositivi mobili possono aiutare i bambini a difendersi dalle molestie?

“FUORI DAL MIO GIARDINO” - Come i dispositivi mobili possono aiutare i bambini a difendersi dalle molestie?

29 Ottobre 2013 Ornella Convertino
Ornella  Convertino
Ornella Convertino
share
Prendendo spunto da una reale vicenda accaduta, vogliamo aiutare i genitori ad insegnare ai propri figli a difendersi da attacchi di adulti o adolescenti nei confronti dei bambini. Riportiamo la storia di Rebecca, una bambina di 10 anni, che frequenta la quinta elementare e usufruisce dello spazio del dopo scuola, gestito dal personale scolastico. Un luogo sicuro, apparentemente!

Un pomeriggio, mentre Rebecca aspettava sua mamma è rimasta in compagnia di un bidello, che l’ha avvicinata a se con parole “dolci” e improvvisamente l’ha baciata sulle labbra stringendola. Al momento Rebecca non ha raccontato nulla dell’accaduto ma, nei giorni successivi era molto arrabbiata, assente e nervosa, la mattina lamentava mal di pancia e implorava di non farla andare a scuola. I genitori hanno cercato di indagare cosa la turbasse, ma Rebecca era impenetrabile! Solo a distanza di qualche mese dall’accaduto Rebecca è riuscita con grande fatica a raccontare l’accaduto.

In che modo è possibile superare un tale trauma? Come possiamo trasmettere ai bambini l’importanza di comunicare subito un fatto così grave? Come possiamo aiutare i nostri figli a difendersi, a riconoscere il pericolo e ad esprimere le proprie sensazioni?

Questi fatti gravi accadono e i bambini sono indifesi. Quando i nostri figli non sono con noi ci assicuriamo che siano al sicuro e protetti, ma spesso il pericolo è dietro l’angolo, purtroppo a volte anche nel contesto familiare. E’ importante insegnare ai bambini, già dall’età dei cinque anni, a riconoscere le situazioni di rischio, a difendersi e a comunicare e  chiedere aiuto ad una persona fidata.

Spesso i bambini che subiscono molestie o atti aggressivi da parte di altre persone si sentono in grande imbarazzo a raccontare l’accaduto. In questo senso, come équipe specializzata, suggeriamo due tipi di intervento.

Per superare la vergogna e sciogliere i blocchi emotivi viene in nostro aiuto il dispositivo mobile, per esempio il cellulare, un depositario terzo che, ponendosi tra i bambini e i genitori  facilita la comunicazione e la libera espressione. Il genitore può  porgere una domanda attraverso un sms in modo che il  bambino possa sentirsi meno esposto e più protetto nel raccontare un eventuale episodio di molestie.  Il dialogo può poi proseguire in un incontro a tu per tu, in cui l’aspetto imbarazzante si è già un po’ sciolto e l’intimità comunicativa della relazione diventa  ancora più speciale.

E’ importante che ogni bambino impari a difendersi attraverso un corso-gioco in modo che abbia già in mente le parole da dire e come gestire una situazione così problematica.

La nostra  équipe propone  da anni il corso “Fuori dal mio giardino”,  rivolto a bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni per insegnare loro come difendersi dalle molestie, fornendo gli strumenti per riconoscere quei comportamenti degli adulti inadeguati e  pericolosi.

Gli esercizi proposti nel corso allenano il bambino a riconoscere in maniera sempre più veloce e precisa gli ambienti rischiosi e i modi di fare di certi adulti mal intenzionati.

I giochi aiutano i bambini a difendere il loro spazio personale, che è come un giardino, ed imparano a dire di “NO!” agli adulti o ragazzi pericolosi e a distinguere tra gesti buoni e cattivi. Altri giochi stimolano i bambini ad individuare gli adulti di riferimento ai quali affidarsi in caso di bisogno. In questa direzione, il Tablet e gli altri dispositivi mobili rappresentano uno strumento molto efficace per promuovere e facilitare la comunicazione di episodi che suscitano nei bambini sentimenti dolorosi e contrastanti tra cui vergogna, imbarazzo e senso di colpa. Ogni dispositivo mobile può svolgere la funzione di schermo protettivo favorendo l’apertura dei bambini verso i genitori e gli adulti di riferimento.

Con il programma  “Fuori dal mio giardino”, il bambino impara a riconoscere e affermare il suo spazio intimo, unico e privato, imparando gli strumenti per proteggersi e per comunicare in modo efficace.

Una parte del programma è rivolta anche ai genitori, per fornire loro suggerimenti e per confrontarsi su come comunicare e affrontare l’argomento con i propri figli, anche attraverso i dispositivi mobili e le nuove tecnologie.

Autori: Francesca Pirovano, Elisabetta Rossi, Ornella Convertino



comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo

Visureasy

Visureasy fornisce diversi servizi di reperimento visure, alcune tipologie di visure...

Vai al profilo

Disruptive Innovation

Management Consulting

Vai al profilo

Minitec2

Specialista in reti e sicurezza sistemi Windows Linux mac tablet, assistenza tecnica...

Vai al profilo