L'Arte Col Tempo Rana /

ART-icolo 21: Mmm, a me piacciono i Video Art!

ART-icolo 21: Mmm, a me piacciono i Video Art!

14 Settembre 2015 Walter Coda
Walter Coda
Walter Coda
share
La Video Arte è l’arte che si basa sui video. Veramè? Davvero? Cioè io faccio il video e sono un artista? Wow, allora è fatta! Provo una spaccata in diretta, anzi faccio finta di essere un professore moderno e uso YouTube per raccontare l’Arte Contemporanea, giusto per creare e lavorare sul disturbo. Non funziona? Molto meglio televisori al tubo catodico e un arco per fare musica!

Tu fai qualcosa e io riprendo. Tu non fai assolutamente niente e io riprendo. Tu fai qualcosa per niente e mi riprendo. Da queste incredibili intuizioni e meccanismi logico-didattici può nascere un grande artista, un’immensa opera di video arte. Se un “Cuore di cane” attiva sensazioni extramusicali, figuriamoci cosa può dar vita il “Sole nella tua testa. Altroché oggetti trans-nettuniani e raccolte differenziate con gli youtuber locali, qui serve tutta la fantasia che abbiamo! Avete 100 città preferite dove voler fare 100 azioni diverse?

La Video Arte ha avuto successo grazie alle elaborazioni creative legate all’uso della tecnologia, circa una cinquantina di anni fa, dove l’unico modo per essere “online” era stare nelle cose, non vederle e commentarle solo per il gusto di avere ragione. Lontani dai Reality e dalle presenze nei pomeriggi domenicali, i videoartisti utilizzano qualsiasi standard di registrazione pur di esprimere sé stessi. E vanno oltre. Beh, non esageriamo, altrimenti politica, religione e calcio potrebbero diventare i nuovi temi da filmare. Ah, già fatto?

Klee: “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”. Scusi, ce l’ha un televisore 90 pollici Smart Tv con GPS, tablet estraibile, 12 sedie incorporate e un robottino da cucina per le orecchiette che non so fare?

Nam June Paik, con la sua opera “Tredici distorsioni per televisioni elettroniche” ha contribuito alla realizzazione della corrente artistica, provocando stupore peggio di un libro di elettronica che descrive al meglio cosa sono gli amplificatori operazionali, i raddrizzatori a diodi e i filtri attivi. La sua poetica, la materia-video, ha permesso di percepire un senso di trascendenza negli oggetti che quotidianamente frequentano il genere umano e lo stupidiscono.

Perché valorizzare lo schermo mediatico che sta distruggendo i veri rapporti sociali a discapito di una ultrarealtà?

I Social Network e le nuove tecnologie sono i giusti eredi della Video Arte manipolata. Si, un’arte non arte, figlia di una tecnica che sempre più si diffonde come voglia di mostrare e non di restare, usa e getta di filosofia mentale che non potrà che ritornare ad una dimensione più intima, introspettiva, perché la propria anima deve essere tutelata.

Come una scultura che guarda sé stessa e contempla. Un’Arte, un Tempo, una Rana.

Se ne è andata di acido o da Cinzia. Chiaro, no?

 


2015 COPYRIGHT © Walter Coda - tutti i diritti riservati all’autore

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

Raffaele Gentiluomo

Computer Grafica

Vai al profilo

Posytron

Posytron è una Software Factory specializzata in progetti Web, Mobile, Social Media e...

Vai al profilo

PalmoLogix

PalmoLogix is a privately held software company and technical consultancy located in...

Vai al profilo