La via del benessere... /

Relazionalità digitale: riflessi umani degli specchi digitali

Relazionalità digitale: riflessi umani degli specchi digitali

08 Dicembre 2017 Manola Orsi
Manola Orsi
Manola Orsi
share
L’era digitale si è instaurata nelle nostre esistenze con le caratteristiche di un processo evolutivo inesorabile e pervasivo. Come molti studiosi asseriscono, ci stiamo addentrando alle soglie di una mutazione, che è contemporaneamente psicologica e sociale, ormai antropologica, latrice di potenzialità, risorse, livelli di apprendimento e di disagi dell’essere umano e rischi di patologie, in gran parte , da scoprire. Una nuova fase dell’umanità, in cui molti fenomeni che osserviamo e che per ora percepiamo come psicopatologici potrebbero essere sintomo di un cambiamento, che ci sta trasformando tutti, in sempre più abili e naturali gestori di avatar.

Stupore, entusiasmo, paura, interrogativi costellano questo scenari dalla geografia ancora incerta.

Diventa fondamentale acquisire una consapevolezza critica che possa far luce sulla complessità del fenomeno e incentivi una riflessione costruttiva. Questo sia attingendo dalle nuove teorie e conoscenze inserite nella scienze della vita che sono le neuroscienze affettive, l’epigenetica e la psiconeuroimmunoendocrinologia e dal fiorente e fribrillante periodo di scoperte sul cervello e sull’architettura della mente,  che valorizzando, come modelli di crescita delle conoscenze, il dialogo e il confronto fra saperi provenienti da campi diversi in una prospettiva interdisciplinare e trandisciplinare nell’occuparsi dei sistemi complessi mente-cervello -corpo e della centralità delle relazioni nella più ampia accezione del termine, ovvero intrapersonali, interpersonali e traspersonali (sono loro che danno complessità) di cui la psiche è a sua volta una grande modulatrice e regolatrice attraverso la regolazione delle emozioni. Solo così possiamo evitare di cadere in banali semplificazioni che esaltano o demonizzano le nuove tecnologie e allo stesso tempo non sottovalutare i fenomeni emergenti (come l’abuso tecnologico, la dipendenza da internet, la pedofilia, la pornografia in rete, la solitudine, l’emarginazione tecnologia, il cyberbullismo) che hanno trovato nella rete un loro spazio di espressione.

 

Dipendenza da Internet

Le ricerche condotte sulla dipendenza da internet sottolineano di considerare, accanto all’elemento prettamente “quantitativo” dell’uso di internet (tempo trascorso  a navigare in rete), anche e soprattutto il rapporto tra internet e il soggetto che lo usa. L’ambivalenza che  caratterizzare i nuovi media sembra sia intrinseca soprattutto alle modalità e agli scopi con cui questi sono utilizzati. Sappiamo, inoltre, che chi manifesta una dipendenza patologica non vuole soffrire per forza ma vuole soffrire di meno, i comportamenti compulsivi non rispondono a desideri, ma  a bisogni, che  a volte travalicano la forza di volontà e la forza del pensiero. Strategie di sopravvivere ad una minaccia più grande, ad un’angoscia più profonda e rappresentando verso di essa un tentativo di soluzione, di  auto- cura

Tutto ciò significa considerare con attenzione il significato e l’importanza, da un punto di vista psicologico, che lo strumento sembra rivestire per il soggetto, individuando nell’intreccio  tra quelle che sono le caratteristiche e le potenzialità della rete e le caratteristiche di personalità e i bisogni soggettivi  e intersoggettivi dell’individuo, i nodi e processi che sottendone all’uso e abuso delle nuove tecnologie.

Il cyberspazio, inoltre,  si configura come un nuovo, complesso  e peculiare modello comunicativo: il processo di mediazione tecnologica della comunicazione sembra abbandonare le componenti corporeo-partalinguistiche anologiche della comunicazione vis a vis a favore dell’adozione di optioni stilistiche iconiche. La comunicazione digitale è pervasiva ed è soprattutto una comunicazione per  immagini, questa la rende simile alla comunicazione pereverbale  e rimanda ad un epoca della vita dove erano le immagini, ancor prima delle parole, a dotare di senso qualsiasi esperienza. La multimedialità è fatta di immagini interattive che ci informano silenziosamente anche al di là della nostra coscienza.

Il digitale cattura, esalta, eccita. L’elemento centrale di internet è una serrata interattività, la quale è l’essenza stessa della realtà multimediale, che all’interno di una realtà sempre più fatta di schermi,  ha cambiato lo spettatore passivo in produttore attivo. Svolgendosi, così, all’interno di una forma di relazione che genera pensieri e opera trasformazioni attraverso il vissuto delle emozioni, ogni forma di interattiva è psicoattiva ed è quindi in grado incidere sui processi mentali  di chi lo usa.

Internet e l'evoluzione digitale

Tuttavia Internet è solo uno dei tanti cambiamenti indotti dalla rivoluzione  digitale, e da quanto asserito, la tecnologia non può essere semplicemente interpretata come uno “strumento”. La rivoluzione digitale è tale perché la tecnologia è divenuta anche un ambiente da abitare, un mondo, con la sua propria lingua, che si intreccia con quello reale e che determina vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive e sociali dell’esperienza, capace di rideterminare la costruzione dell’identità e delle relazioni, nonché il vissuto dell’esperire. Quando siamo connessi entriamo in un villaggio globale, facilmente esplorabile ma senza confini.

Del resto l’evoluzione digitale si è instaurata nelle nostre esistenze senza fare troppo rumore, quasi fosse un processo naturale, fisiologico che ha  come fine ultimo la relazione tra esseri umani, coinvolgendo allo stesso modo l’interpersonale e l’intrapsichico.

Queste osservazioni confermano che la virtualizzazione della relazione e la sua spiccata tecnomediazione , eleggono una nuova forma di relazione: la connessione. 

Siamo animali profondamente sociali , cablati per connetterci gli uni con gli altri, e lo facciamo attraverso le emozioni. La mente è “costantemente in cerca di altre persone con cui entrare in risonanza  e condividere esperienze” essa è intrinsecamente intersoggettiva. Tutto ciò che riguarda il nostro cervello, la nostra mente e il nostro corpo è orientato verso la collaborazione nei sistemi sociale; è la nostra più potente strategia di sopravvivenza la base della nostra umanità sono le relazioni e le interazioni. Esse plasmano la mente e il cervello fin dalla nostra vita intra-uterina e danno sostanza e significato alla vita nella sua interezza in quanto modellano i sistemi di regolazione fisiologica, e tra essi innanzitutto il sistema dello stress, lasciando impronte che tenderanno a permanere anche nelle fasi successive della vita.

La relazionalità umana

La relazionalità e con essa il sostegno sociale sono quindi un imperativo, una necessità biologica, non  un’optione, essa è la necessità fisica di interagire e creare legami, di co-regolare lo stato bio-comportamentale attraverso la relazione con gli altri, un bisogno innato di entrare in contatto, in connessione, con gli appartenenti alla propria specie un bisogno non solo funzionale ma anche e soprattutto emotivo, profondamente intimo. Un  senso di connessione con una persona affettivamente importante è il principale dispositivo innato di regolazione delle emozioni.

L’ attaccamento verso gli altri significativi è “la nostra protezione primaria contro i sentimenti di impotenza e insignificanza”.  E’ dunque all’interno della relazione con l’ambiente e con l’altro che abbiamo allo stesso modo l’opportunità di crescere o distorcere la crescita stessa.

Data la natura intimamente sociale degli esseri umani non stupisce il favore con cui sono state accolte le più recenti tecnologie, la caratteristica  della nostra specie che è stata propriamente sfruttata ai propri fini dall’industria del settore.

Dato che nasciamo predisposti a reagire all’ambiente e che  lo sviluppo del cervello è regolato da geni che interagiscono con le esperienze di vita, lo fa anche il DNA tramite processi epigenetici, noi diventiamo le nostre esperienze! Diventa affascinante e inevitabile studiare l’impatto  e le conseguenze che un mezzo così straordinario con la sua pervasiva tecno mediazione della relazione e delle esperienze ha sul nostro sistema complesso mente-corpo-cervello e sui rapporti umani. Le relazioni sono virtuali ma i suoi effetti sono concreti.

La plasticità del cervello

Dalle neuroscienze sappiamo che il cervello umano è plastico, dato che, una vasta gamma di esperienze quotidiane, attività fisiche e mentali, possono cambiare le connessioni neuronali e le sue funzioni. Alcune ricerche hanno evidenziato come le tecnologie digitali stiano di fatto cambiando i nostri cervelli, aumentandone l’attività in diverse regioni. D’altra parte, internet ha conseguenze psicologiche sul nostro cervello non solo perché ci impegna in determinate attività, ma perché non ci impegna in determinate altre attività.

 Dal punto di vista percettivo, esso è una fonte di stimoli continua, rapida e multimodale. Stare davanti a un Pc connesso significa essere sottoposti ad una vera tempesta sensoriale, capace di saturare le nostre risposte attentive con effetti di assorbimento e conseguente potenziale esclusione di stimoli esterni, provenienti dal mondo reale, e di stimoli interni (fame, sete e altri bisogni biologici). I concetti di spazio, tempo, territorio, incontro, sono sottoposti ad una consistente trasformazione. Il tempo digitale è più intenso e tende a sovrapporsi rendendoci tutti più compulsivi, perché riduce le attese ma anche la nostra capacità di attendere che da un punto di vista squisitamente evolutivo è una conquista acquisita con l’esperienza. La digitalizzazione della realtà e l’utilizzo di questi strumenti ha permesso un risparmio di tempo reale, svincolandoci da alcuni limiti. Paradossalmente a questo risparmio di tempo, si assiste ad una costante sensazione di non avere tempo, dovuta probabilmente a un aumento delle possibilità di interazione che il mezzo offre. Il rischio diventa quello di un “affaccendarsi inoperoso”.  

Attraverso il suo modo di funzionare e le sue richieste, esso fornisce un tipo di allenamento che si avvicina molto di più alla distrazione che alla concentrazione, favorisce il pensiero distratto, il rapido passaggio da un concetto all’altro e un apprendimento di superficie, in cui vengono  a mancare l’approfondimento critico e l’elaborazione dei contenuti.

Per lo spazio avviene la stessa cosa per cui dove c’è un computer c’è anche la possibilità online di fare la relazione che possiamo definire senza luogo, in realtà può accadere in qualsiasi spazio fisico che abbiamo a disposizione, questo unito al fatto che le possibilità di accedere online sono portatile e quindi molteplice, rende rispetto allo spazio, inficiata la capacità di stare da soli, che anch’essa è una conquista.

La solitudine come bisogno

 Nonostante la comunicazione digitale abbia moltiplicato le occasioni di incontro, la solitudine rimane un bisogno, come il diritto che ognuno di noi ha di trascorrere il proprio tempo svincolato dal tempo convenzionale.

Viene meno il “tempo del riposo” necessario a pensare creativamente. Sembra ridursi quell’attività mentale che aiuta ad attribuire caratteristiche qualitative al tempo: dare un senso al tempo, il senso del proprio tempo. La nostra conoscenza del mondo si sviluppa attraverso le esperienze vissute di eventi assieme all’abilità di riflettere su di esse.

Sappiamo che serve tempo per pensare e che il pensiero creativo ha origine da esperienze di assenza e di mancanza, intese come capacità di contenere il vuoto; un eccesso di stimoli e informazioni può essere nocivo, perché il pensiero non è nei contenuti, ma nella capacità di contenerli e di creare contenitori. Insieme a tante abilità cognitive che l’uso di internet pare rafforzare sembra che  abbia impoverito le capacità autoriflessive  e di mentalizzazione degli individui.

Stiamo, così, precipitando in una società incessante, sempre attiva sempre più incapace di staccare la spina, sempre lì a digitare, a twittare, a condividere, senza differenze tra giorno e notte, tra feriale e festivo, tra casa e ufficio. Essa è in fondo l’espressione della postmodernità tecno liquida, che è caratterizzata secondo la definizione che ne da Cantelmi, dall’abbraccio ineludibile tra il mondo liquido e la rivoluzione digitale. In definitiva la rivoluzione digitale e la virtualizzazione della realtà intercettano, esaltano e plasmano alcune caratteristiche dell’uomo liquido: il narcisismo, la velocità, l’ambiguità, la ricerca di sensazioni forti necessarie ad autoperceprsi e sentirsi vivi, e il bisogno di infinite relazioni light.

I modi  e le sembianza con cui interagiamo nel cyberspazio danno forma ad una identità digitale che  avolte diventa una personalità alternativa che non ha nulla di virtuale, ma che dobbiamo imparare a integrare nella nostra personalità.

 

Il rispecchiamento emotivo

Come precedentemente esposto, il rispecchiamento emotivo è un processo fondamentale per la costruzione di una sana personalità, inizia nella prima infanzia e dura tutta la vita ed è ciò che accade quando ci si guarda negli occhi e si pensa la stessa cosa. Sancisce un momento di profonda unione, che ci fa sentire tutt’uno con l’altro. Nei bambini è indispensabile per crescere, perché pone le basi per la costruzione dell’identità, attraverso la possibilità di esperire momenti di “sintonizzazione affettiva”. Processo di vita per cui una persona ha la percezione profonda di “sentirsi visto,sentito, capito, amato”, di “esistere nella mente e nel cuore” di un'altra persona.  Essa rimanda un senso all’esistenza di chiunque e che nessun screen interattivo può sostituire. Ma poiché l’identità è una conquista mai completa e in costante divenire, Il bisogno di essere rispecchiati è di fondamentale importanza, anche se in modalità e intensità diverse, per tutta la vita: esprimere se stessi e non trovare qualcuno in grado  di restituirci ciò che di noi volevamo veicolare ci lascia a metà, con un sentimento di incompletezza e precarietà che necessita di essere appagato.

La società attuale offre al singolo pochi strumenti e spazi relazionali per affrontare le crisi personali, in contesti protetti, in cui sia possibile confrontarsi con i sistemi di significato altrui, o con sistemi di significato propri, per poter cogliere nuove prospettive di lettura della propria storia o entrare in contatto con il proprio sé autentico.

Le promesse accattivanti della Rete.

Appare chiaro che ciò che la rete fornisce è la possibilità di esprimere di sé tutti quegli aspetti che nel reale non trovano un sufficiente spazio e permette di preservare il proprio ideale dell’io da un non controllabile impatto con la realtà: è possibile esprimere di sé solo ciò che ciascuno di noi recluta accessibile tralasciando o addirittura negando quello che si ripudia o con il quale non si riesce a convivere. Allo stesso modo lo estremizza a tal punto da rendere difficile la messa in discussione, se non a prezzo di una grave delusione. Data questa idealizzazione del sé che il web permette il ritorno alla realtà può diventare sempre più frustante e faticoso.

Pur offrendosi nella funzione di specchio, il web che è solo un surrogato, non riesce a svolgere questo compito complementare. Ciò che viene a mancare è la presenza di un ricevitore attivo che possa rimandare una rielaborazione di ciò che ha aquisito. Il web è una sorta di specchio muto, come afferma Tonioni, perché manca di quella apposizione di nuovi sensi che solo un essere umano reale e partecipe un adeguato  senso morale possono trasmettere. Così l’impatto di una identità ideale, non più funzionale all’integrazione di un modello al quale conformarsi, non vevendo più mitigato, si ritrova alla mercè di un pensiero onnipotente e di un narcisimo infantile, che ora difensivamente impediscono un’integrazione dei vari aspetti della personalità, favorendo il mantenimento di una non integrazione dell’individuo.

Fonte: Andrea Kirkby

L'assenza del corpo

Nell’universo digitale grande assente è il corpo fisicamente inteso (non ci si può toccare, baciare, ecc) e con esso tutta la comunicazione non verbale. Di fatto la sua esclusione dalle relazioni web-mediate, estromette una molteplicità di spunti emotivi e affetti che il corpo in sé media e, nonostante gli sforzi sempre più sistematici e creare icone, acronimi ed altri segni che possono indicare stati d’animo, emozioni e intenzioni, diminuisce la possibilità di accesso a tutta una serie d’informazioni fondamentali nell’interazione fra due individui. Il corpo non è solo uno strumento o un limite, ma la forma esteriore della mia psiche, è l’abito del mio mondo interiore, che mi permette di sperimentare e far vedere agli altri che esso esiste, poiché è lo strumento attraverso cui essa si mostra e agisce. Le emozioni passano per il corpo come i sentimenti per la coscienza. Rappresenta inoltre il nostro confine.

Gli strumenti digitali possono interagire con l’uomo su un piano logico, non sono in grado di farlo su un piano emotivo; nel video, schermo, non troviamo sguardi “emotivamente vivi” in cui rispecchiarci. Posso ricevere attenzioni, conferme: un “mi piace” è dopante ma non nutriente. Comunicando attraverso uno schermo, l’assenza della corporeità e del contatto visivo priva l’individuo gli interlocutori dell’accesso reciproco alla dimensione più spontanea e autentica di sé stessi, rendendo di fatto la comunicazione tra due utenti una comunicazione tra due sole menti. Dobbiamo quindi accettare una dissociazione basale della mente rispetto al corpo tutte le volte che si internet mettiamo in gioco la nostra emotività.

Seppur reciprocamente visibili con una web-cam, due persone che chattano non riescono ad arrossire, pur parlando di argomenti sensibili,  non basta vedersi a distanza per entrare in un vero contatto,quindi, nelle relazioni web mediate, chiunque si mette in gioco diversamente rispetto alle interazioni vis a vis.

In esse l’incontro con l’altro può essere definito a rischio ridotto perché entrambi i partecipanti, oltre a essere protagonisti del proprio spazio vituale, possono in qualsiasi momento estromettere l’altro, semplicemente interrompendo la connessione, in questo senso online è possibile dominare anche lo spazio dell’altro. Comunichiamo senza la cognizione reale degli effetti che ciò che scriviamo hanno sull’altra persona , siamo autoreferenziali e diventa più semplice mentire, lasciare frasi a metà, sparire e ricomparire in una strategia a somma zero che non ha vincitori né vinti.

Monitor, disply e schermi

Per questi motivi Il monitor, infatti, fornisce un’effettiva possibilità di schermarsi rispetto a tutti quegli aspetti emotivi spiacevoli su cui non abbiamo il controllo che in una relazione convenzionale potrebbero essere difficili da gestire. Ciò che si pone come una barriere esercita una funzione protettiva. Questo può essere un elemento favorente che può spingere un ragazzo timido  a fare dei passi in avanti ed uscire di casa da solo, senza bisogno di nessun psicologo o psichiatra, ma, allo stesso modo può essere alla base di sensazioni di onnipotenza, di vissuti di depersonalizzazione e di un incremento dell’ideazione paranoidea. Una tendenza al controllo dell’altro, piuttosto che alla condivisione che può portare fino al classico colpo di grazia e fare in modo che la realtà digitale non sia una realtà aggiuntiva, aggiunta alla realtà dal vivo, ma sia ad essa sostitutiva fino al ritiro sociale.

Il termine stesso di rete è una metafora che contiene in sé una doppia valenza: la rete può essere un sostegno (rete positiva, risorsa) e qui pensiamo da internet con tutte le sue potenzialità informatiche, cognitive, culturali, transculturali e di sviluppo e delle valenze personali ed intersoggettive dell’essere umano; ma la rete può anche raffigurare il più truce destino (rete, vincolo, prigione, trappola) e qui pensiamo alla ragnatela all’interno della quale l’utente, preda del ragno virtuale, può rimanere imbrigliato, intrappolato ed inibito nelle proprie potenzialità trasformative.

Protetti da troppi schermi che fanno da filtro alle nostre paure, si finisce senza rendersene conto  per assumere comportamenti virtuali nel mondo reale, con il rischio di non mettersi in gioco mai. Più infatti gli strumenti comunicativi diventano virtuali, immateriali, più si riduce il nostro contatto con ciò che è fisico, limitando la nostra capacità di intervenire  sulla realtà e modificarla.

Possiamo quindi asserire che droghe e comportamenti dipendenti costituirebbe un tentativo disfunzionale di regolare contenuti emotivi in persone con carenti competenze meta cognitive e di identificazione e distinzione delle emozioni traumatiche.

La rete può inserirsi in questi spazi psicologici deficitari di sofferenza psichica, un mondo che non di rado costituisce il terreno predisponente della dipendenza patologica, producendo un processo di disconnessione del soggetto dalla realtà e dalle relazioni che lo circondano. In altre parole, un uso incontrollato e quindi compulsivo di Internet può seriamente aggravare tratti psicopatologici pre-esistenti ed è in grado indurre una dispercezione dei confini del sé.

Questo stato dissociativo transitorio, che si sedimenta progressivamente con le ore di connessione, non si pone ancora come esito patologico, ma come matrice ideale in grado di generarlo in un continuum dall’abuso alla dipendenza patologica.

Secondo Popper, oltre una certa soglia di imput sensoriali perdiamo la nostra capacità discriminante e con essa il nostro senso etico. L’empatia è una disposizione umana che ci mette in sintonia con i nostri simili, di cui ci fa condividere le emozioni, dapprima in modo automatico e mimetico, poi in mdo sempre più cognitivamente mediato.

Le illusioni della Rete e gli specchi digitali

L’illusione generata dalla rete di essere sempre connessi, sempre insieme; ciascuno per conto proprio, lontano dagli altri, in un “non luogo” che non appartiene a nessuno, porta a relazioni dirette ma non empatiche, con una crescente difficoltà a immedesimarsi negli altri. Per tutti i motivi sopra elencati, diminuisce il sentimento di intimità e spesso aumenta il senso di solitudine, così come crescono le possibilità di conoscenza e si riducono le occasioni di vera complicità.

 La conseguenza più immediata della mancanza di empatia è un aumento del comportamento aggressivo, che già  constatiamo nei social, con il rischio di un aumento dell’aggressione anche nella vita reale a discapito della socialità positiva, cioè la cura l’altruismo e la cooperazione.

Credo che il riflesso che più ci rimandano questi specchi digitali sia una perdita di connessione emotiva nella vita reale. Se accendiamo una luce sulle nostre vite ci troviamo sempre più spesso ognuno di noi persi nelle proprie solitudini, presenti ma meno accessibili emotivamente a se stessi e  all’altro. Ci contattiamo di più ma ci incontriamo meno, presi dal fare tutto appare più agito  che sentito. Spesso, stiamo quindi sopravvivendo invece che vivendo. Questa solitudine e inaccessibilità dell’altro a livello neurocettivo inconsapevole spaventa l’uomo perché filogeneticamente e ontogeneticamente ha bisogno dell’altro per sopravvivere e sentirsi sicuro così da accedere alle sue risorse di homosapiens.

Abbiamo bisogno di tempo e spazio per se stessi e per l’altro, abbiamo bisogno di sentire che la condivisione del nostro stato emotivo venga accolto  e riconosciuto  e possa avere un effetto sul’altro. In tal senso la relazionalità diventa un’opportunità, una risorsa, potenzialità per la persona che però se non gestita, curata può diventare il suo limite accentuando questa sensazione di solitudine e di profondo disagio personale (più o meno consapevole) con atteggiamenti di chiusura ma questo non significa che vorremo o possiamo annullare il nostro bisogno dell’altro, la nostra fisiologia continuerà a richieder care il suo appagamento, magari aumentando le ore di connessione e perdendo la vera possibilità di cura e di benessere che sono le relazioni in carne e ossa. L tecnologia ci ammalia, riuscendo a farci dimenticare ciò che sappiamo della vita.

Iper-connessione digitale, in fuga da ambienti relazionali umani

Mi piace vedere, quindi, questa ricerca nell’iper-connessione digitale come un riprova dell’ingente necessità della relazionalità insita nei nostri bisogni psicobiologici e che forse il problema è stiamo perdendo i confini tra le due realtà, senza distinguerne  le diversità, potenzialità, effetti.

Ci stiamo allontanando da nutrienti ambienti che dobbiamo ritornare, imparare, allenarci ad abitare che sono il nostro corpo e le relazioni umane perché se di relazioni possiamo ammalarci solo in relazione possiamo guarire.

La sofferenza, il trauma ci defrauda dal sentimento di essere padroni di se stessi, di ciò che chiamiamo “self –leadership”.

Ecco che  l’incontro  con internet, l’incontro con il cambiamento tecnologico, si prefigura per il soggetto come un nuovo compito di sviluppo, come una nuova sfida carica di fattori critici che richiede, per essere affrontata con efficacia , una capacità di adattamento, un bagaglio d risorse strumenti, abilità, conoscenze, modalità relazionali da coltivare.

Alcune considerazioni finali

Il tempo e l’evoluzione della tecnologia non si possono fermare, ma credo sia importante risvegliarsi dalla “trance” in cui stiamo vivendo e attraverso maggiori conoscenze ed  una consapevolezza critica imparare a  “navigare” nel “villaggio globale” senza perdersi sia come persone sia come professionisti. Un antidoto per facilitare questo processo è l’educazione.

Come persone la forma più sottile è educarci all’emotività, a quello che ci sorge interiormente, tutto questo giochino funziona nei limiti della nostra inconsapevolezza, più siamo inconsapevoli più siamo indifesi rispetto a tutto questo bombardamento. La vera sfida insita nel percorso di cura di Sé coincide con il ristabilire la padronanza del corpo e della mente, vale a dire, di noi stessi; ritrovare la propria rotta. Tutto ciò significa essere liberi di sentire ciò che sentiamo, senza essere sopraffatti o arrabbiati, o in preda alla vergogna o collassati ed avere chiari i nostri valori, convinzioni, obiettivi, interessi rispetto ai quali  queste nuove possibilità virtuali e sociali ci confondono. La ricerca ci dice che sentirsi a proprio agio anche con le proprie vulnerabilità  è fondamentale per la nostra felicità, la nostra creatività e anche la nostra produttività e un’autentica apertura all’altro.

Tramite l’autoregolazione una persona può riprendere potere su di sé e  riequilibrando le relazioni con se stessa, sfidare gli automatisti che condizionano le sue scelte e l’ambiente  e iniziare a prendersi cura del suo stile di vita. Questo appassionandosi alla vita e questo sentire di avere gli strumenti per affrontarla nelle difficoltà che mi propone aumenta   il senso di efficacia e  di sicurezza  e, con esse, la produzione della nostra “farmacia interna”,  che costituisce la nostra più grande risorsa e possibilità nonché fattore di protezione contro i processi di malattia. Fondamentale è vivere in armonia con le leggi della natura stabilendo il giusto ritmo di marcia e usare tecniche per migliorare la qualità della vita.

Inoltre, credo che nella vivacità e pluralità di visione e possibilità di intervento che permea oggi il panorama culturale in cui ci muoviamo, ogni professionista non deve dimenticare che una cosa è senz’altro vera: molte persone sono prigioniere, in maniera più o meno consapevole, di malesseri e vere e proprie patologie che impediscono loro di vivere una vita “normale” e “piena” e di rapportarsi col mondo in maniera soddisfacente. C’è gente che soffre e ognuno di noi operatori della salute nel “risvegliare le coscienze”, è importante che capisca al meglio come fare ad aiutarla e sensibilizzarla avendo conoscenza di tutti i processi che forgiano e possono condizionare l’essere umano e la parte del sistema di esso che ogni specialista va a curare, nonché la visione d’insieme del tutto.

La sola cura per le connessioni fallimentari è parlare, riprendere a conversazione rappresenta un passo verso il recupero dei nostri più fondamentali valori umani.

C’è bisogno, allora, di mantenere una forte esperienza di relazioni sociali reali nella vita di tutti noi: adulti, adolescenti, bambini. Le esperienze sociali virtuali devono essere messe al servizio di quelle reali, degli spazi condivisi, per sostenerle anche quando non è possibile un contatto vero. Devono essere utilizzati non come una protesi, ma come un ausilio alla realtà reale, alla vita vera di cui dobbiamo prenderci cura ogni giorno, senza cedere a facili scorciatoie alle inevitabili difficoltà che qualunque relazione umana comporta.

Uno strumento, quindi, non un fine il virtuale, che serve a connettere, costruire, creare opportunità, e così ben venga. Non c’è bisogno di rinunciare al proprio smartphone. Il suggerimento è di osservarli più attentamente, conoscerli per iniziare ad avere con essi un rapporto di  maggiore consapevolezza. In tal modo comprendendone  i profondi effetti che ha su di noi, possiamo accostarci al cellulare con scopi più chiari e sceglierci di goderci le sue comodità in modo diverso.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MG SoftDroid

Programmatore neofita, realizza App Android indirizzate agli studi prevalentemente...

Vai al profilo

devAPP

Community italiana di programmatori iOS (iPhone e iPad) e Android. Con devAPP, se siete...

Vai al profilo

Nexus srl

Vai al profilo

B p 2 srl

Dal 2001 Bp 2 offre la piu ampia scelta di software gestionale online per le aziende e la...

Vai al profilo