Segnalazioni /

Per chi ha tanti libri perchè li ama...

Per chi ha tanti libri perchè li ama...

14 Maggio 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Segnaliamo un interessante articolo di Remo Bassetti sui tanti libri che si accumulano nelle case di coloro che amano leggere ma anche di molte biblioteche. Mentre i più hanno eletto come strumento di lettura (e di scrittura) il loro smartphone, pochi continuano ad accumulare così tanti libri che, dopo averli letti (non tutti) non sanno più cosa fersene. Oggi i libri e, con loro le biblioteche pubbliche, rischiano di morire silenziosamente e dolcemente, nonostante alcuni, pochi bibliofili si ostinino a sovraccaricare di libri le mensole delle loro librerie.

L'articolo può essere letto per intero sul WROG di Remo Bassetti a questo indirizzo.


Ho una buona notizia per quelli che hanno la passione di acquistare libri e devono far fronte al problema degli spazi.

Ho in mano la formula perfetta, anche matematicamente. Purché abbiate lo spazio per 361 volumi. Perché proprio 361? Onestamente non lo so, risulta da un’equazione di cui ha dato conto lo scrittore Georges Perec. In effetti il metodo che vado a esporre è il suo, contenuto nel volume “Pensare/classificare”. L’idea era che prefissato un n numero (se qualcuno preferisce 57 o 413 direi che va bene uguale) bisogna conservarlo, senza far entrare in casa un libro nuovo se non se ne scarta uno precedente. Perec però dà conto dei progressivi problemi teorico-pratici che rendono ostica la formazione di questo catalogo.

Come trattare il libro della Pleiade o dei Meridiani che contiene sei tragedie di Shakespeare? A rigore diciamo sei, ma così in quattro e quattr’otto è finito è finito lo spazio. Se però lo contiamo per uno, il libro di un esordiente dovrà valere per n-1, dovendosi considerare nulla più che il primo tassello di un’opera che prenderà forma nel tempo. Ma come regolarsi allora con i poemi cavallereschi o quelle opere di non chiara attribuzione, scritte probabilmente a più mani? O delle raccolte collettive di racconti? La conclusione è che non c’è niente da fare. Per un bibliofilo i libri sono più forti e troveranno sempre qualche espediente per assediare la sua biblioteca più di quanto egli vorrebbe. O forse non c’è nessun bibliofilo che davvero rinuncerebbe a un volume. Una strada originale potrebbe essere ridurre lo spessore, come faceva un intellettuale conoscente di Chateaubriand che strappava pagine secondo lui ridondanti. Al contrario di Edgar Allan Poe, che li riempiva di annotazioni. Chi può escludere che una simile cura di ingrassamento concettuale non ne incrementasse pure lo spessore?

...continua la lettura

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


SANMARCO INFORMATICA SPA

Sanmarco Informatica opera nel settore dell'informatica da oltre 20 anni con...

Vai al profilo

Albegor.com

Professionista con lunga esperienza nel settore mobile, fin dalla comparsa sul mercato...

Vai al profilo

The Box Srl

The Box S.r.l. nasce dall’esperienza dei suoi soci fondatori e di Arka Service S.r.l...

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo