Tabulario /

🍒🍒 LIBRI…BOOKS… E TECNOLOGIA

🍒🍒 LIBRI…BOOKS… E TECNOLOGIA

08 Aprile 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Da tempo ritengo necessaria una riflessione critica sulla tecnologia e sui suoi effetti. L'elenco di testi che propongo può andare incontro a sensibilità e motivazioni diverse, fornire ottimi spunti per letture e approfondimenti necessari e/o utili.

🍒IL LIBRO È UNA PORTA, UN PORTALE

Lo schermo è una cornice, una finestra, il libro è una PORTA che porta a un’altra PORTA, aperta ancora su un’altra porta, ecc. ecc. Un gioco degli specchi fatto di incantesimi percettivi, di magie sciamaniche, di rimandi speculari continui, senza alcuna discontinuità. Finito un libro se ne incomincia un altro e si continua così perché se un lettore si ferma in realtà è perduto. Parlo da lettore forte, onnivoro, malato di “concupiscenza libraria” (G.Manganelli). Leggere è come entrare in un labirinto multicursale con percorsi che, anche dotati di fili di Arianna, impongono sempre delle scelte, che instillano dubbi. L’uscita può essere una sola, sempre che la si voglia raggiungere, ma le strade che conducono a essa sono molteplici. Perdersi può essere una scelta oltre che una soluzione!

🍒I PIU’ PREFERISCONO FINESTRE

La realtà italiana racconta una storia diversa. Più che alle porte e ai labirinti multicursali le moltitudini amano un presente addomesticato, si adeguano a un futuro colonizzato, anche cognitivamente. Per questo hanno scelto le FINESTRE dello schermo e il labirinto unicursale, con uscite ben segnalate (il successo dei libri di ricette collegati a programmi televisivi ne è un esempio, ma anche quello dei libri presentati a Che tempo che fa) e facili da raggiungere. Non c’è da meravigliarsi visto che in Italia la cultura continua a essere percepita come un bene improduttivo, per persone che hanno tempo libero da perdere e si vogliono dare un tono (e io mi do un tono?). A pochi sembra interessare il potere del libro nel fare cultura, come strumento di formazione e di apprendimento, risorsa individuale e collettiva per una testa ben fatta, veicolo per la circolazione e condivisione della conoscenza, un bene comune.

🍒LIBRI E TECNOLOGIA, UN ECOSISTEMA

Il libro è un ecosistema complesso, per la varietà delle sue forme, per tipologia e diversità bibliografiche ma soprattutto per coloro (autori, lettori, traduttori, editori, librai, ecc.) che lo frequentano e lo abitano. Come sistema complesso non è quasi mai in equilibrio, anzi manifesta sempre criticità, crepe e cambiamenti in atto. Soprattutto infinita ricchezza.

Un ecosistema a sé stante è abitato da libri dedicati alla tecnologia, alle numerose rivoluzioni da essa determinate, ai suoi effetti sulla realtà, siano essi individuali o collettivi, privati o pubblici, sociali, economici, ecc. In pochi anni l’accelerazione della rivoluzione tecnologica ha cambiato il mondo, il modo di interpretarlo e raccontarlo. Ha suggerito un’infinità di analisi dotte su cosa possa significare per l’uomo confrontarsi oggi con la tecnica, la macchina, l’automa e l’intelligenza artificiale, dentro percorsi evolutivi futuri che fanno sognare ad alcuni la vita eterna e ad altri il superamento del genere umano per come lo abbiamo conosciuto finora.

Questo ecosistema è occupato da una infinità di libri da cui ho provato a fare una selezione da proporre a chi condividesse con me il bisogno di comprendere, conoscere, approfondire e interrogarsi sulla nostra relazione imprescindibile con la tecnologia.  I libri che propongo li ho letti tutti, alcuni sono stati oggetto di riflessione in due miei e-book: Nei labirinti della tecnologia (2014) e 100 libri per una lettura critica della tecnologia (2017). 

  • Marvin Minsky: La società della mente
  • Ellul Jacques: Il bluff tecnologico (un autore da riscoprire)
  • Elias Canetti: Massa e potere
  • Bey Hakim: T.A.Z. (abbiamo tutti bisogno di zone temporanemaente autonome)
  • Vannevar Bush: As We May Think
  • Leary Timothy: Caos e cybercultura (senza caos non c’è vita)
  • Kroker Arthur: Data Trash (scritto nel 1994…)
  • Naisbitt John: High tech e rapporti umani (per me un libro-culto)
  • Negroponte Nicholas: Essere Digitali (l’inizio della trasformazione digitale)
  • Virilio Paul: Velocita e politica : saggio di dromologia - La bomba informatica
  • Dery Mark: Velocità di fuga
  • Davies Erik: Techgnosis
  • Eric Sadin: Critica della ragione artificiale: una difesa dell’umanità – La siliconizzazione del mondo: l’irresistibile espansione del liberismo digitale – Io tiranno: la società digitale e la fine del mondo comune
  • Geert Lovink: Nichilismo digitale: l’altra faccia delle piattaforme – Ossessioni collettive: critiche dei social media – L’abisso dei social media – Internet non è il paradiso – Zero comments: teoria cirtica di Internet
  • Levine Rick: Cluetrain manifesto (utile per capire l’involuzione attuale di Internet)
  • Postman Neil: Come sopravvivere al futuro, Technopoly
  • Baudrillard Jean: Il delitto perfetto
  • Derrick De Kerckove: Brainframes: mente, tecnologia, mercato - La rete ci renderà stupidi? – Il sapere digitale – Dall’alfabeto a Internet
  • Assange Julian: Internet è il nemico
  • Barabasi Albert-Lazlo: Link
  • Baudrillard Jean: Cyberfilosofie
  • Richard Sennet: L’uomo artigiano
  • Marco Revelli: Umano, inumano, postumano
  • Benasayag Miguel: Il cervello aumentato, l'uomo diminuito – L’epoca delle passioni tristi – Il ritorno dall’esilio – Funzionare o esistere – La tirannia dell’algoritmo – La singolarità del vivente
  • Bernstein Jeremy: Uomini e macchine intelligenti
  • Manuel Cstell: La città delle reti
  • Brunton Finn: Offuscamento: manuale di difesa della priacy e della   protesta
  • Cardon Dominique: Che cosa sognano gli algoritmi
  • Carr Nicholas: Internet ci rende stupidi -  La gabbia di vetro
  • Christakis Nicholas: Connected
  • Codeluppi Vanni: L'era dello schermo - La vetrinizzazione sociale - Mi metto in vetrina
  • Crepet Paolo: Baciami senza rete
  • Curcio Renato: L'impero virtuale – L’egemonia digitale - La socità artificiale - Il futuro colonizzato
  • Curioni Alessandro: Come pesci nella rete
  • De Biase Luca: Homo pluralis
  • De Feo Linda: Per un’ermeneutica del cyberspace
  • De Martino Giulio: La mente virtuale
  • Dyson Esther: Release 2.0: come vivere nell'era digitale
  • Elliott Anthony e Urry John: Vite Mobili
  • Ferraris Maurizio: Mobilitazione totale - Anima e iPad - Documanità
  • Formenti Carlo: Incantati dalla rete, Utopie letali
  • Gardner Howard: Generazione APP
  • Han Byung-Chul: La società della trasparenza - Nello sciame - La scomparsa dei riti – La scomparsa dell’Altro – Il profumo del tempo
  • Haraway Donna: Manifesto Cyborg - Chthulucene. Sopravvivere su un pianeta infetto. Ediz. plastificata
  • Ippolita: Anime elettriche - La rete è libera e democratica: falso -Nell'acquario di Facebook
  • Jarvis Jeff : What would Google Do
  • Jasanoff Sheila: La tecnologia dell’umiltà - L'innovazione tra utopia e storia 
  • Shoshana Zuboff: Il Capitalismo Della Sorveglianza
  • Kelly Kevin: Out of control - Nuove regole per un mondo nuovo - Quello che vuole la tecnologia
  • Khanna Ayesha, Khanna Parmag: L'età ibrida
  • Kurzweil Raymond: La singolarità è vicina
  • Lanier Jaron: La dignità ai tempi di Internet - Tu non sei un gadget
  • Levy Pierre: Cybercultura - Il virtuale - L'intelligenza collettiva - Le tecnologie dell'intelligenza
  • Morozov Eugeny: Internet non salverà il mondo, Silicon Valley: i signori del silicio, L’ingenuità della rete
  • Rosi Braidotti: Il postumano (due volumi)
  • Pariser Eli: Il filtro, quello che Internet ci nasconde
  • Turkle Sherry: La conversazione necessaria - La vita sullo schermo Insieme ma soli
  • Quartiroli Ivo: Internet e l’io diviso
  • Zerzan John: Il crepuscolo delle macchine
  • Maistrello Sergio: La parte abitata della rete
  • Maldonado Tomás: Critica della ragione informatica
  • McAfee Andrew: La nuova rivoluzione delle macchine
  • Resnik Salomon: Vedo cambiare il tempo
  • Rheingold Howard: Perché la rete ci rende intelligenti - Smart Mobs 
  • Rushkoff Douglas: Presente continuo - Programma o sarai programmato
  • Shirky Clay: Surplus cognitivo - Uno per uno, tutti per tutti
  • Spitzer Manfred: Demenza digitale - Solitudine digitale
  • Stoll Clifford: Confessioni di un eretico high-tech
  • Varanini Francesco: Macchine per pensare, Le cinque leggi bronzee dell’era digitale
  • Wolf Maryanne: Proust e il calamaro
  • Yuval Noah Harari: Homo deus. Breve storia del futuro, 21 lezioni per il XXI secolo

 

* Le immagini sono scatti fotografici rubati durante un percorso devozionale di 21 cappelle al Sacro Monte di Orta (prima di un ottimo pranzo al ristorante...)

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Stefano Galizia

Sviluppatore iPhone ed Android

Vai al profilo

WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo

SAYSOON S.r.l.

SAYSOON è la nuova Mobile Innovation Solution Factory, start-up del Gruppo GMDE...

Vai al profilo

Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo