Tecnobibliografia /

Ray-Ban smart: ci fidiamo dell'ennesima promessa di Facebook?

Ray-Ban smart: ci fidiamo dell'ennesima promessa di Facebook?

10 Settembre 2021 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
È il caso di farsi qualche domanda sulla privacy dei Ray-Ban smart di Facebook
Diversi gli aspetti scivolosi dei nuovi smartglass: dalla spia di registrazione all'impossibilità di bloccare in remoto gli occhiali in caso di smarrimento fino all'uso dei metadati su foto e video e agli abusi possibili

Facebook e Luxottica hanno da poco messo in distribuzione i loro Ray-Ban smart. Lo hanno fatto promettendo rispetto per la privacy. Un rispetto che ha portato, om fase di implementazione, a fare delle scelte che hanno limitato funzionalità e tecnologie disponibili. Ci fidiamo? Ci possiamo fidere, soprattutto di Facebook, un'azienda che in passato ha dimostrato più volte la sua idea di privacy e quanto sia sempre interessata solo e soltanto alla raccolta di dati.

Nei prossimi giorni i media si riempiranno di narrazioni sul nuovo prodotto e molte saranno da prendere con le molle.

Nel frattempo segnaliamo un articolo di Simone Cosimi publicato su Wired.it.


Diversi gli aspetti scivolosi dei nuovi smartglass: dalla spia di registrazione all'impossibilità di bloccare in remoto gli occhiali in caso di smarrimento fino all'uso dei metadati su foto e video e agli abusi possibili 

CONSIGLIATO PER TE:

Robot rights

Si chiamano Ray-Ban Stories e sono gli occhiali smart nati dalla collaborazione fra il colosso italiano Luxottica e il social network Facebook. Annunciati un anno fa, sono stati finalmente lanciati. Ci si possono fare video (soprattutto) e scattare foto, fare telefonate e ascoltare musica o altri contenuti. Nient’altro. Tutto passa dall’applicazione collegata Facebook View che scarica scatti e clip per liberare la memoria dei dispositivi, consente piccole modifiche e il salvataggio sulla gallery dello smartphone o la condivisione sui social.

Il primo problema è palese: quando le fotocamere integrate negli occhiali stanno registrando, si attiva un piccolo led bianco sia nell’angolo destro all’interno che all’esterno della montatura. Per allertare chi ci sta di fronte che è in corso una registrazione. Secondo le indagini di Facebook, il bianco sarebbe più visibile del rosso o del blu.

Se da un lato la possibilità di scattare e riprendere gli altri con uno strumento che – tranne tentativi di poco successo come gli Spectacles di Snap – la generalità delle persone considera inerte, cioè non in grado di acquisizioni digitali è scivolosa, dall’altro è pur vero che negli smartphone non c’è neanche quel segnale luminoso. Solo che il telefono, per quanto onnipresente, è comunque un oggetto esterno: gli occhiali sono integrati, fanno parte dell’abbigliamento o delle necessità per correggere i difetti della vista. Ci sono miriadi di situazioni in cui, nonostante lo teniamo sempre in mano, sfoderare il telefono per una foto sarebbe inopportuno (se non proibito): con uno scatto dall’occhiale, invece, sarebbe tutto più semplice. E la lucina forse non così evidente, specie nei primi tempi di distribuzione.

La risposta degli sviluppatori

Facebook e Ray-Ban hanno dedicato un intero sito alla questione della privacy con i nuovi occhiali. Dichiarano anzitutto che Facebook View è un’app autonoma per importare foto e video “dando il controllo su cosa condividere e quando”: è separata da Facebook, vero, ma vi si accede comunque con gli stessi estremi.

...per completare la lettura

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

Creact

Creact si occupa dello sviluppo di soluzioni mobile, web e desktop. Creact dà vita a...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo

Terra dei colori

Storia interattiva, destinata sia ai bambini che ai più grandi La storia di...

Vai al profilo