Segnalazioni /

La mappa non è il territorio, ditelo anche a Google!

La mappa non è il territorio, ditelo anche a Google!

26 Settembre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
SoloTablet segnala un interessante articolo di Giuseppe Putignano pubblicato su Il fatto quotidiano del 26 settembre 2016. Parla di Google Maps e della filosofia he guida la sua visualizzazione delle mappe. Una visualizzazione che cambia a seconda dello stato in cui si trova chi fa uso dell'applicazione e vuole osservare una mappa. E' un servizio offerto aicittadini della Rete ma non a tutti allo stesso modo. Le imprecisioni e l'incompletezza delle mappe è gisutificata da Google con le difficoltà oggettive legate a situazioni in costante movimento ma ad esempio l'esclusione dalla mappa della Palestina sembra più una scelta politica che un problema dell'algoritmo di mappatura del territorio. Così come alcune lacune nel visualizzare adeguatamente territori come la Crimea, il Kashmir e altre aree contene del pianeta.

A chi appartiene la Crimea? Dipende. Quali sono i confini del Kashmir? Dipende. Questa almeno la risposta di Google Maps, il servizio di mappe online più consultato al mondo. Dipende da chi pone la domanda. E’ la cosiddetta “politica dell’amicizia” di Google: accontentare l’osservatore, ovunque esso si trovi. Eppure Google non si prende la stessa cura di tutti gli amici. Ad essere trattati con i guanti sono pochi. Le mappe personalizzate, in eccezione a quanto riconosciuto dalla comunità internazionale e alle regole della cartografia contemporanea, non riguardano infatti tutti i territori contesi del mondo (riassunti qui in un lungo elenco della Cia), ma essenzialmente quelli che coinvolgono tre superpotenze in particolare: Russia, India e Cina.

Una disparità di trattamento che crea una lunga serie di controversie cartografiche, ma soprattutto politiche. Una, la più delicata, riguarda la Palestina, che appare come un territorio conteso da dovunque esso si cerchi, anche da un computer di Ramallah. “Google Maps fa il possibile per riprodurre in maniera oggettiva i territori contesi – fa sapere dopo uno scambio di email un portavoce del colosso di Mountain View a ilfattoquotidiano.it – laddove disponiamo di versioni locali di Maps, seguiamo le norme locali su denominazioni e confini”. Una posizione legittima, perché si tratta della scelta di un’azienda privata, ma che crea estrema confusione.

...per completare la lettura

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


CREALAB SRL

CREALAB è una società italiana che offre servizi e consulenza nell'ambito del settore...

Vai al profilo

eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

MamoSoftware

Sviluppo software per passione. Ho realizzato il Gestionale AlfaDesk su piattaforma...

Vai al profilo

Soft! e Oscar

Siamo un Team, con sede in Abruzzo, che si occupa della pianificazione, progettazione e...

Vai al profilo