Io abito la possibilità /

Le regole e la gentilezza

Le regole e la gentilezza

21 Febbraio 2019 Anna Maria Palma
Anna Maria Palma
Anna Maria Palma
share
Carlo Rovelli ha intitolato il suo ultimo libro "Ci sono luoghi al mondo dove più che le regole è importante la gentilezza". Questo rivela il senso autentico di questa parola a cui sempre più le persone stanno prestando attenzione. Spesso si confonde la gentileza come un insieme di regole di educazione e semplice cortesia. Mai disdicevoli nè l'una nè l'altra. Ma gentilezza è appartenenza, gentilezza è integrazione, gentilezza è rispetto, rispetto delle differenze e delle preferenze!

Si il titolo nasce da un’esperienza dell’autore in Senegal come lui stesso racconta “Sono entrato in una moschea con le scarpe in mano, cosa che non si può assolutamente fare. Ma è arrivato un vecchio che sorridendo ha preso le mie scarpe, le ha messe in un sacchetto, me le ha restituite e mi ha fatto cenno di entrare. Mi ha colpito che quell’uomo mi abbia accolto, preferendo la gentilezza alle regole. Se si collaborasse, invece che limitarsi alle regole, tutto andrebbe meglio”.

In queste poche righe è racchiuso il senso autentico della gentilezza che non può essere alimentato dalla rigorosità, che a volte diviene rigidità dell’applicazione delle regole.

Un aspetto che desidero sottolineare è l’importanza del sorriso. Il mio apprezzatissimo collega Davide Cortesi, inizia i suoi interventi con questa frase: “Un uomo senza sorriso non apre un negozio”.

CONSIGLIATO PER TE:

Creare relazioni autentiche

Il sorriso connota l’espressione del volto. E il volto è la prima espressione di accoglienza. Ricordo qualche giorno fa in una farmacia dove la mia sosta era motivata da qualcosa che avevo prenotato ed era anche inserita in un timing abbastanza condizionato, la farmacista è riuscita a farmi vivere il fatto che non fosse pronto quanto avevo ordinato, anzi perfino a coinvolgermi nella ricerca e nello scarico del prodotto, con un volto così accogliente che sarei rimasta lì, potendo, per l’intera mattinata. Il mio apprezzamento è stato sostenuto dalle parole di un signore entrato dopo di me, a cui la dottoressa ha rivolto un saluto con la stessa enfasi con cui aveva accolto me. E quel signore le ha detto: “Non ho bisogno di niente, ma venire a salutarla, cambia aspetto alla mia giornata”. La dottoressa non aveva solo il sorriso sulle labbra, neanche solo negli occhi, lo aveva dentro di sé come testimonianza di un interesse per l’altra persona, me, l’altro signore, quasi di quel doppio interesse di cui parla Marta Nussbaum quando definisce la gentilezza.

Gentilezza è accoglienza della diversità, gentilezza è andare appunto oltre le regole e non far sentire fuori luogo una persona.

l'angelo della gentilezza

 

Le regole possono essere cambiate soprattutto quando non funzionano. E a questo proposito nel post di Nicoletta Cinotti di questa mattina leggo quanto siamo ostinatamente severi  con noi stessi quando, pur accorgendoci che queste non stanno più funzionando, ci sproniamo, quasi ci “frustiamo -se potessimo- per non volerle cambiare. Essere gentili con noi stessi potremmo considerarla l’unica regola da non cambiare. E per poterlo fare occorre una buona dose di sensibilità e di amore perché la fiducia si sposti dall’applicare regole a noi stessi e quindi alle scelte che di momento in momento siamo chiamati a fare.

Le uniche regole che ad oggi hanno funzionato nella mia vita sono quelle di cui parla S. Covey nel suo libro le “Sette regole per avere successo”:

  1. DESIDERIO La voglia di fare, la voglia di intraprendere, ma non la volontà ferrea, quello willing dentro dentro che alimenta la fiamma del desiderio
  2. CONOSCENZA Cosa fare, perché farlo e come farlo
  3. CAPACITA’ acquisire competenze per saper fare

Ma tutte regole alimentate dalla gentilezza, da quel senso di appartenenza e di accoglienza che nutre il campo nel quale operiamo e permette veramente di onorare quanto scrive Rollo May nel suo libro "L'arte del Counseling" “Quello che tu sei parla così forte che non riesco a sentire quello che dici”

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


gandgapp

Sviluppatore Android

Vai al profilo

Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

NeaLogic

NeaLogic è specializzata nella realizzazione di soluzioni mobile compatibili con...

Vai al profilo