Tabulario /

Pensare è oltrepassare

Pensare è oltrepassare

10 Febbraio 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Parole, concetti, pensieri. Tutti da contestualizzare nell’era tecnologica che viviamo, dentro le narrazioni che ci vedono attori e protagonisti e all’interno degli edifici cognitivi e intellettuali di ognuno. La pandemia può e deve aiutarci a pensare, anche per provare a proiettarci oltre la situazione attuale superando le sue urgenze che limitano le libertà e (de)limitano gli orizzonti.

Pensare è oltrepassare diceva Ernst Bloch nel suo libro Il principio Speranza (1994). Quasi uno slogan, in realtà un invito a sporgersi e andare oltre, a sbilanciarsi superando la falsa libertà ormai declinata in (iper)consumismo e libertà possibili ma irreali, quelle delle piattaforme digitali. 

Un invito a proiettarsi oltre il presente e le sue ristrettezze, ad andare oltre per (ri)provare a scoprire le risonanze (emozioni) che ci arrivano dalle condizioni (bisogni) materiali che determinano la nostra consapevolezza e coscienza. Un invito al saper ascoltare e al sapere immaginare futuri e scenari diversi da quelli subiti dentro le narrazioni conformistiche imperanti e nelle quali non si parla più di disuguaglianze, diritti, ingiustizie subite, catastrofi umanitarie e guerre, povertà, rivendicazioni e lotte, sogni e utopie.

Impegnarsi a pensare significa provare a oltrepassare le condizioni materiali presenti ritrovando nel presente gli eventi e gli attrattori che suggeriscono futuri possibili (costruibili) e trasformando il pensiero in azione.

Oltrepassare è un verbo transitivo, spinge all’azione, influenza l’individuazione, attiva il desiderio, alimenta azioni, serve a decostruire la realtà, verità consolidate (rivelate) e abitudini, a dare forma e a costruire senso, significati e futuri.

Oltrepassare è azione individuale ma se fatta con altri diventa forza collettiva, massa in movimento che accresce il suo potere condizionante e stimolante. L’azione individuale di oltrepassamento è una pratica utile a riflettere su ciò in cui non crediamo e sui futuri che non vogliamo ma dovrebbe essere rivolta in particolare a ciò in cui abbiamo, forse superficialmente e facilmente, sempre creduto.

L’obiettivo non è cambiare il mondo ma lasciare tracce, lanciare idee e condividere spunti di riflessione, costruire progetti, anticipare futuri possibili, contribuire con le proprie scelte a far emergere nuovi scenari possibili.


 

 

In distribuzione il mio ultimo libro, scritto con Nausica Manzi: Oltrepassare - Intrecci di parole tra etica e tecnologia. 
È un viaggio tra #etica e #tecnologia focalizzato sulle parole, sui loro significati perduti e sulla necessità di recuperarne semantica, polisemia e senso. 
Le parole su cui ci siamo focalizzati le abbiamo definite etiche. Parole come #responsabilità, comprensione, #consapevolezza#gentilezza#generosità, benevolenza, collaborazione, #compassione, cultura, ospitalità, partecipazione, #reciprocità, relazione, #solidarietà, tolleranza, umanità e molte altre ancora.
La riflessione parte dalla considerazione di vivere tempi disincarnati nei quali abbiamo tutti bisogno di rivalutare corpo, volti (non facce) e sguardi. Con l’obiettivo di andare Oltre e OLTREPASSARE i tempi presenti, alla ricerca di un Altrove che ci faccia incontrare l’Altro come persona, nella sua alterità, singolarità e unicità.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Jekolab Srl

JekoLab, un laboratorio creativo Fondata a Torino nel 2011, JEKOLAB è specializzata...

Vai al profilo

CREALAB SRL

CREALAB è una società italiana che offre servizi e consulenza nell'ambito del settore...

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo

SPLTEK

SPLTEK, sviluppo di applicazioni su piattaforma Android

Vai al profilo