Tabulario /

𝐐𝐔𝐀𝐍𝐃𝐎 𝐂𝐈 𝐒𝐕𝐄𝐆𝐋𝐈𝐄𝐑𝐄𝐌𝐎?

𝐐𝐔𝐀𝐍𝐃𝐎 𝐂𝐈 𝐒𝐕𝐄𝐆𝐋𝐈𝐄𝐑𝐄𝐌𝐎?

02 Settembre 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
E chi vuole oggi angosciarsi in una realtà descritta come felicitaria e piena di progressi?


IN MONTAGNA, LONTANO DA TV E GIORNALI, incapace di non riflettere sulla situazione corrente fatta di tante #crisi, non solo ambientali e sociali ma anche di valori, politiche e democratiche. Tante crisi riconducibili a una crisi più grande, quella del #pensiero e della capacità di riflettere criticamente sulla #realtà per cambiarla. In un paese come l’Italia nel quale nulla cambia, mai! Pensare sembra essere diventata pratica obsoleta, da evitare, forse perché per esercitare il pensiero bisogna avere coraggio, implica una pratica di #libertà, una presa di coscienza, attività che si portano appresso #consapevolezza, scelte da compiere e #responsabilità ma anche angoscia.
 
E chi vuole oggi angosciarsi in una realtà descritta come felicitaria e piena di progressi?
 
IMBALSAMATI, QUASI AMMUFFITI, dentro mitologie e narrazioni conformistiche che ci piacciono tanto, siamo diventati passivi, incapaci di vedere e di dubitare, forse perché incapaci di ascoltare, comprendere e di apprendere. Viviamo sognando con sogni di altri senza renderci conto di vivere dentro incubi che si stanno concretizzando nella vita reale corrente, plasmando gli scenari futuri. Non quelli fasulli raccontati da politici impreparati, ignoranti, squalificati e corrotti, non quelli transumanisti delle élite euforiche tecno-capitalistiche che sognano l’immortalità, non quelli che le macchine dotate di intelligenza artificiale ci stanno proponendo, ma quelli di un mondo dominato dall’inquietudine nel quale a prevalere saranno incertezza e insicurezza, l’emergere di avvenire che per la maggioranza delle persone saranno di angoscia, povertà e assenza di speranza.
 
ASSENZA DI SPERANZA E ANGOSCIA interessano soprattutto coloro che hanno da sempre coltivato pensieri e valori di sinistra. Persone che oggi si scontrano con la sparizione della rappresentanza a sinistra, con un pensiero intellettuale e politico incapace di esprimere alternative e nuove idee, liberandosi dalla sottomissione al pensiero liberista dominante. L’angoscia è tanto maggiore quanto più grande è la sensibilità verso le tendenze reazionarie emergenti: nazionalismo, populismo, razzismo, xenofobia e omofobia, misoginia. Il tutto a scapito di valori quali solidarietà, uguaglianza, libertà, integrazione, Patriottismo.
 
PER NON PERIRE BISOGNA SVEGLIARSI! Non è più tempo di resistenza ma di percorrere nuove vie. Percorsi coraggiosi nei quali insufflare e alimentare la speranza (“tonico quotidiano capace di moltiplicare le energie umane” direbbe il filosofo Goisis) come sentimento forte di esistenza che non bisogna farsi rubare (papa Francesco). Risvegliarsi implica l’uscita dalla passività e dalla rassegnazione, il ritorno alla elaborazione di pensiero, la condivisione e la disponibilità a confrontarsi con l’altro, soprattutto serve tanta solidarietà.
 
Cosa aspettiamo a risvegliarci come i protagonisti di Riverworld?
E magari a farlo prima di fare la scelta di chi votare?

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

Move On

Film al cinema è un applicazione sviluppata da Move On (www.moveon.it) azienda...

Vai al profilo