Tabulario /

SPOSSATI E DISORIENTATI EPPURE SEMPRE VIVI!

SPOSSATI E DISORIENTATI EPPURE SEMPRE VIVI!

19 Settembre 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Le crisi che si stanno susseguendo (attacco alle torri di New York, crollo finanziario del 2008, pandemia, guerra, siccità, ecc.) in questo terzo millennio destinato a segnare le sorti del genere umano sulla Terra (la sesta estinzione?) ci stanno stressando fisicamente e mentalmente. Viviamo allegramente perché le risorse non mancano (tutti in vacanza anche se per pochi giorni e senza tanti soldi!) ma dentro percepiamo che la catastrofe è dietro l’angolo e che ci stiamo arrivando impreparati, narcisisticamente e cinicamente inadeguati. La percezione non è errata ma determinata dalle numerose lacerazioni del tessuto sociale, politico, economico e psichico di questi tempi avariati, ansiogeni, individualisti, dominati dalla disuguaglianza e dall’indifferenza, dal populismo e dalla crisi della democrazia (della libertà).

Secondo Mauro Magatti la successione degli shock sollecita il superamento dell’individualismo, il modello culturale egemonico del momento, e l’abbandono della libertà intesa come consumerismo. Il superamento e l’abbandono di modelli consumistici non è legato solo a scelte individuali ma dettato da una urgenza: la necessità di affrontare le crisi e il futuro collaborando, insieme con gli altri, investendo più sulle intelligenze umane che su quelle artificiali. Intelligenze imperfette e piene di errore ma le uniche capaci di empatia, comprensione, compassione, dialogo, condivisione, relazione e apertura alla critica. 

Tanti attributi di una intelligenza (mente e cuore) umana che suggeriscono il ricorso a nuove modalità e finalità di stare insieme, alla ricerca di una nuova etica, laica e non necessariamente religiosa, che ci permetta di trascendere, andare oltre e altrove, @OLTREPASSARE, la realtà disastrata e disperata dei tempi che viviamo. Ogni persona è oggi chiamata, come scrive Vito Mancuso, a superare “l’orizzonte del semplice Io e i suoi fini” per riconosce che ci sono cose più importanti del “proprio personale interesse e il desiderio di agire in obbedienza a esso”. 

Il punto è che di comportamenti etici in giro ce ne sono pochi, non abbastanza. Forse perché è venuto meno il senso del dovere o forse perché istituzioni, politica e politici vengono percepiti come corrotti e privi (carenti) di ogni etica, o nel minore dei casi come entità non credibili per ogni eventuale imposizione normativa di carattere etico. L’assenza di etica ha trasformato tutti in homo homini lupus facendo prevalere corruzione e prevaricazione, irrazionalità e violenza, utilitarismo e indifferenza. In un momento nel quale tutti dovremmo provare a rimanere umani. 

La crisi è anche determinata dalla nostra aumentata difficoltà a comprendere la complessità, a riflettere sul rischio implosivo dell’evoluzione del genere umano sulla Terra e di quello esplosivo per ogni individuo che questa specie rappresenta. Eppure un modo per affrontare questa crisi ci sarebbe: il ricorso alla filosofia, a pratiche filosofiche utili alla conoscenza, alla comprensione e governo salvifico di noi stessi e capaci di riportarci all’impegno politico finalizzato a combattere disuguaglianze e ingiustizie.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Appytech Srl

Vai al profilo

Sviluppo4Mobile

S4M è costituita da un gruppo di quattro amici storici, Gino, Danilo, Miriam e Luisa...

Vai al profilo

Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo

eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo