Tabulario /

𝑺𝑪𝑹𝑰𝑻𝑻𝑼𝑹𝑨 𝑬 𝑷𝑶𝑬𝑺𝑰𝑨

𝑺𝑪𝑹𝑰𝑻𝑻𝑼𝑹𝑨 𝑬 𝑷𝑶𝑬𝑺𝑰𝑨

20 Settembre 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Chi sente il bisogno di #scrivere lo sa: la scrittura è il "luogo privilegiato che ci si ritaglia in modo da soffermarsi sulle cose". Se la #scrittura è declinata in #poesia il soffermarsi assume un aspetto contemplativo, spirituale, mistico per alcuni. In questo luogo privilegiato a farla da padrone è il linguaggio, la sua versatilità, gamma di registri e possibilità, i suoi toni lirici, discorsivi, sapienziali o giocosi.

L’esercizio della scrittura nasce dalla parola, dalla sua irriducibilità ed estrema plasmabilità. Scrivere è un modo per navigare nella polisemanticità delle parole, per cogliere la sfaccettature più nascoste di ogni singola parola,la sua specificità, anche nel saper raccontare l’ineffabile e l’indicibile.
 
Immersi dentro il surplus informativo, scrivere è un modo per rallentare, fermarsi, mettersi in pausa, sostare. In silenzio, liberandosi dallo storytelling torrentizio che impedisce di bloccare le parole e ossigenarle di qualità, per liberarle dalla mortificazione di senso a cui la narrazione effimera del tempo presente le ha rumorosamente costrette.
 
Scrivere non è semplice operazione letteraria ma sociale e politica, culturale e soggettiva, intima e personale. Scrivere è una forma di resistenza contro il raccontare, il postare, il cinguettare. Attività queste ultime che hanno impoverito, con la loro sovrabbondanza, la pratica della scrittura, il linguaggio e la parola, facendo perdere le sfumature, allontanando le parole dalla loro coesione e senso fondante per trasformarle in semplici involucri vuoti e senza senso se non quello ad esse associato per trasformarle nel meme del momento.
 
Scrivere è un modo per ritagliarsi uno spazio personale nel quale provare a liberarsi dallo stordimento determinato dall’esposizione a messaggi pulviscolari che, con il loro spargimento violento e pervasivo, non lasciano tregua, imbrigliando l’attenzione e impedendo la concentrazione. Scrivere è una forma di reazione, rarefatta, lenta, calma, di assaporamento e qualità, contro il diluvio quantitativo e banalizzante delle parole, la velocità e la concitazione.
 
Molto storytelling sui social è fatto di rapidità, scrivere impone di lavorare di lima (lo dice sempre Katia Bovani). Non si tratta di scrivere conciso e in modo cinguettante, ma di tagliare più che di aggiungere, per distillare forma e contenuti del testo in modo sempre nuovo, irripetibile. Più che correre, inseguire, consumare, si tratta di soffermarsi su ogni parola, sui suoi molteplici significati dalla potenzialità trasformativa. Più che adottare o aderire a modelli vigenti, rigidi e conformistici, che tendono a far prevalere bisogni fittizi ad esigenze autentiche, si tratta di rompere gli schemi, uscire dal seminato, di non appiattirsi sull’usato sicuro, investendo sulla fertilità e libertà espressiva, sulla forza rigenerativa, estetica, rivoluzionaria (ribelle) della parola.
 
Scrivendo e/o poetando, anche filosofeggiando!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Twinbo snc

Twinbo è un'azienda giovane e dinamica, specializzata nello sviluppo di applicazioni...

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo

Terra dei colori

Storia interattiva, destinata sia ai bambini che ai più grandi La storia di...

Vai al profilo

RAD Solutions S.R.L

Distributore GeneXus per Italia e Svizzera

Vai al profilo