Lifestyle /

Il nostro tempo nell’era dell’attenzione

Il nostro tempo nell’era dell’attenzione

18 Agosto 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Le vacanze stanno finendo e molti dovranno fare i conti con il tempo passato davanti ad un browser o al display del loro dispositivo tecnologico rispetto a quello dedicato alle relazioni e agli incontri faccia a faccia con relativi benefici affettivi, emozionali, erotici, ecc. Se il primo risulterà maggiore del secondo una risposta consolatoria può essere derivata dalla difficoltà a difendersi da media sociali e gadget tecnologici che hanno fatto della nostra attenzione il target da conquistare, colonizzare e occupare.

Le statistiche indicano in 8 ore il tempo passato dai nativi digitali di fronte a un dispositivo tecnologico. Se il dato rispecchiasse la realtà potrebbe significare che i Millennial si vedono di meno, hanno minori possibilità di fidanzarsi in presenza di altre persone (in cambio hanno numerose relazioni in assenza e forse molti MiPaice) o semplicemente di intrattenere rapporti sessuali non virtuali.

Otto ore davanti a un display suggeriscono la presenza di una qualche forma di dipendenza da applicazioni e strumenti digitali i cui produttori e proprietari fanno a gara nel promuoverli con l’obiettivo di catturare e trattenere l’attenzione dei consumatori. Lo fanno con promozioni continue ma anche attraverso applicazioni ludiche, di intrattenimento, di apprendimento, di cucina e sfruttando i contenuti auto-prodotti dagli utenti stessi e dalle loro attività online.

L’attenzione è catturata con aggiornamenti continui del muro delle facce, cinguettii insistenti o video virali ma anche con menu persuasivi e capaci di scatenare nuovi click che serviranno a riempire il tempo degli utenti tenendoli agganciati al display. Un tempo valutato nel 30% dell’intera vita dei Milennial ai quali, tolte altre 8 ore di sonno, rimangono solo altre otto ore per relazioni familiari, amicali, lavorative nella vita fisica reale e per comprendere la loro interazione con il mondo.

La scoperta e la navigazione online è oggi sempre più governata da sistemi algoritmici automatizzati che operano in modo invisibile e all’insaputa dei naviganti della Rete. Questi bot-socialbot sono integrati nelle applicazioni e nei motori di ricerca e hanno come obiettivo principale di trattenere il più a lungo possibile un utente i Rete in modo da poter catturare maggiore informazioni su di lui, sulle sue preferenze ma anche sulle persone che frequenta, stili di vita e comportamenti. Informazioni che poi servono a personalizzare ulteriormente la ricerca, favoriscono la trasparenza assoluta facilitando la proposizione di nuove merci e di nuovi prodotti da acquistare.

Molti di questi algoritmi operano secondo regole e principi finalizzati a catturare l’attenzione e a colonizzarla. E’ un obiettivo di breve termine, tutto focalizzato su immediati ritorni commerciali e che non tiene conto del valore di un cliente sul lungo termine e della sua effettiva soddisfazione. La ricerca dell’attenzione a tutti i costi può irritare i consumatori ma anche portare a un dialogo con essi limitato nel tempo per mancanza di nuovi stimoli, opinioni e prospettive.

Cercare di guidare le scelte dei consumatori e potenziali clienti attraverso tattiche di content marketing e di meccanismi algoritmici è la pratica corrente di molte aziende commerciali che puntano a comunità fidelizzate di consumatori orgogliose della loro appartenenza a una Marca. E’ una pratica vincente fino a quando il consumatore è esposto a sollecitazioni diverse e capaci di alimentare serendipità e esperienze utente di qualità. Può diventare perdente se, dopo avere rubato il tempo e l’attenzione del consumatore-utente il, risultato è una stimolazione mentale limitata e l’assenza di una motivazione intrinseca  a causa dell’assenza di qualità e diversità fornite.

Il consumatore può recuperare il suo tempo e distrarre la sua attenzione ma dovrà farlo con un grande sforzo (forza) di volontà, perché la capacità e abilità dei proprietari delle piattaforme tecnologiche sono abilissimi nello sviluppare costantemente nuove strategie, iniziative e proposizioni per impedirlo.

Riconquistare il proprio temo per dirigere la propria attenzione a qualcos’altro è possibile ma costa di più. Esattamente come costa di più fare la spesa a tutti coloro che hanno deciso di rinunciare ad avere una tessere fedeltà o che dimenticano volutamente il loro smartphone a casa o in ufficio dopo averlo accuratamente spento.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

Engitel

Engitel è una digital company che si occupa di Web e Mobile sin dal 1995. Realizza...

Vai al profilo