Tabulario /

🚰🧼👐🚰🧼👐🚰Dubito ergo sum nell'era dei No-Vax

🚰🧼👐🚰🧼👐🚰Dubito ergo sum nell'era dei No-Vax

23 Agosto 2021 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Per essere non basta pensare, bisogna anche saper dubitare.

In un’epoca di estremismi, sparizione del pensiero critico, tanta demagogia e diffusi populismi, conformismo da piattaforme tecnologiche e omologazione cognitiva, il #DUBBIO è strumento potente di riflessione. Soprattutto se praticato come lo praticava Montaigne!

Il dubbio è un esercizio non binario, scettico, di distacco e distanziamento, metaforicamente preferibile alla mascherina, da ciò che è dato e condiviso dai più come indiscutibile, con l’obiettivo di mettere in discussione il presente, l’evento, la realtà, ogni cosa, esaminandoli e analizzandoli, dedicandoci del tempo in modo da poter elaborare scelte e prendere decisioni.

Parlare dell’importanza del dubbio in era #NoVax sembra una discesa in campo a favore di quanti oggi mettono in discussione le verità scientifiche e le scelte politiche da esse condizionate. Pur difendendo il diritto a dubitare dei No-Vax, in realtà il dubitare a cui faccio riferimento va oltre. Punta a non dare per definitiva nessuna risposta, compresa quella delle tribù dei No-Vax.

Il dubbio che ci servirebbe non è quello politicamente teleguidato da alcuni giornali/politici di destra che creano disinformazione, incertezza e confusione. Il dubbio da praticare è un elemento positivo che aiuta a maturare mentalmente e psichicamente, a (con)vivere civilmente. Uno strumento che serve a eliminare pregiudizi, superare ignoranza e non conoscenza, analizzare ipotesi e credenze. Il dubbio dovrebbe servire alla conoscenza di sé stessi (Montaigne), a cambiare prospettiva, a passare da posizioni intransigenti alla convinzione che nulla è indiscutibile e che tutto è molto più instabile di quanto pensassimo.

Nei tempi incerti e caotici che viviamo molti si sentono spaesati e smarriti, pronti a sposare idee estreme e fanatismi vari, spesso su posizioni puramente difensive e affidandosi a posizioni forti per sentirsi salvi. Ma la salvezza non sta nella tribù né nell’appartenenza politica a partiti che ogni giorno urlano #LIBERTA’.

PIU' CHE LOTTARE PER LA LIBERTA' MOLTI SEMBRANO OGGI IN FUGA DALLA LIBERTA'.

Per una semplice ragione: la libertà non è gratis, suggerisce l’autogoverno, implica il rendere conto di ciò che si fa e la responsabilità, anche etica, verso gli altri.

Più che manifestare per la libertà, tutti, anche i No-Vax, dovrebbero interrogarsi se e quanto siamo veramente vaccinati. Non contro il Coronavirus, ma contro i pensieri unici sempre più diffusi, contro l’insorgere di populismi e fascismi vari, contro tendenze autocratiche e anti-democratiche, contro la conoscenza basata sulle piattaforme social, contro media che hanno dimenticato cosa sia il giornalismo, contro le posizioni poco fondate che generano #fanatismo.

Pensare è ciò che rende umani (Arendt) ma dubitare è ciò che ci pone in costante #ricerca e scoperta, l’essenza stessa di una vita che sia degna di essere vissuta.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Startbusiness

SB un’azienda che fa scouting nel mondo ICT (Information Communication Technology...

Vai al profilo

Tecware

Gestiamo progetti di informatizzazione dallo studio professionale alla...

Vai al profilo

Jekolab Srl

JekoLab, un laboratorio creativo Fondata a Torino nel 2011, JEKOLAB è specializzata...

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo