Straniero

07 Ottobre 2021 Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
share
stranièro agg. e s. m. (f. -a) [der. del lat. extraneus «estraneo, esterno»; cfr. il fr. ant. estrangier, der. di estrange «estraneo»]. – 1. a. Di altri paesi, di altre nazioni: emigrare, andare esule in terra s.; imparare una lingua s., le lingue s.; avere una pronuncia s.; parlare con accento s.; usi, costumi s.; respingere ogni ingerenza s.; un popolo s., i popoli stranieri. In partic., riferito a persona, che appartiene per cittadinanza a uno stato estero, ma che gode dei diritti civili attribuiti ai cittadini dello stato, a condizione di reciprocità e nell’osservanza di norme contenute in leggi speciali: i turisti s. in Italia; frequentissimo in questo sign. come sost.: i diritti degli s.; la condizione giuridica dello s.; università per stranieri. Per estens., appartenente a cittadini stranieri: beni s. in Italia; formato di elementi stranieri: la legione s. (v. legione, nel sign. 3). b. Con connotazione ostile, alludendo a popolazioni nemiche o comunque avverse e odiate: eserciti s.; l’invasione, l’occupazione s.; languire sotto il dominio s.; anche come sost.: essere soggetti agli s., oppressi dagli s.; spesso al sing. con valore collettivo: combattere lo s., cacciare lo s.; allearsi con lo s., passare allo straniero. 2. agg., letter. Estraneo: sentirsi s. in patria, in casa propria; Giovani madri che a s. latte Non concedean gl’infanti (Foscolo); quando la terra Mi fia s. valle, e dal mio sguardo Fuggirà l’avvenir (Leopardi). Meno com., strano: l’aria intorno avea di Sogni piena Di varie forme e stranier portamenti (Poliziano).

Aʟʟᴀ ʀɪᴄᴇʀᴄᴀ ᴅɪ Iᴛᴀᴄᴀ

Lo straniero è un estraneo, un esterno, un diverso che percepiamo come possibile minaccia della nostra zona comfort.

Abbiamo visto nella storia fobie, pregiudizi, diffidenze, scontri di usi e costumi, che hanno saputo spingerci verso i limiti, anche opposti, dell'asse che ci rappresenta: verso la ghettizzazione, o la sopravvalutazione, quasi mai verso la comprensione dell'altro come portatore di vissuti e di importanti riferimenti culturali. 


OLTREPASSA CON NOI
➡️ Linkedin ➡️ Facebook 
➡️ instagram ➡️ twitter ➡️ YouTube

Nelle dinamiche fra gruppi si cerca quasi sempre di omologare l'altro, attraverso la propria potenza etnica, ma non solo: capita spesso che base dello scontro sia il "cortile" delle opinioni e delle idee, cosa, quest'ultima, che può persino accadere anche all'interno del proprio stesso gruppo di riferimento. 

Già Ulisse cerca di tornare in ogni modo a Itaca e forse ci rappresenta, perché le origini sono i nostri contorni: possono essere riempiti da tutto quello di cui facciamo esperienza, rendendoci cittadini del mondo, ma saranno sempre loro la partenza della nostra identità.

Questo orlo identificativo, dopo essersi riempito di colori, sarà così popolato di varie esistenze da portare lo straniero a sentirsi definito come tale persino in patria. In questo senso, a volte, potremmo dire che non c'è ritorno, da un certo modo di viaggiare. Gli stranieri sono tali due volte: sia quando rientrano in patria, sia dove risiedono all'estero e se questo può far star male, esiste anche il lato opposto: si finisce coll'amare due o più popoli, accogliendone tutte quelle sfumature che finiscono nel tempo con l'essere parte di noi.

CONSIGLIATO PER TE:

Colpa

C'è poi anche chi si sente straniero ed è separato dalla sua stessa comunità nella propria stessa nazione, città, quartiere.

A volte solo per aver espresso un'idea contraria alla maggioranza, a volte per l'orientamento sessuale o politico, o per tante altre discutibili ragioni ancora.

Lo straniero può essere chiunque e chiunque può sentirsi tale, compreso chi è simile a noi culturalmente o etnicamente.

Per questo è fondamentale essere aperti e disposti ad accogliere qualunque persona con le sue unicità e sensibilità, sapendo scoprire e imparare qualcosa di nuovo


Autrice

Sonila Gruda

Nata a Scutari, città al nord dell'Albania.

Sono una psicologa, e attualmente lavoro presso una RSA a Genova dove mi occupo di Alzheimer.

Con la passione della scrittura ho sempre cercato di approfondire i miei interessi e portare a tutti contenuti attuali e interessanti, legati anche ma non solo alla psicologia e alla ricerca scientifica.

Sono impegnata in attività di content writer, web journalist, traduttrice ed interprete.

Le mie attuali aree di interesse e di esplorazione sono le neuroscienze, il disegno, la domotica, la fotografia, intelligenza artificiale, e ogni area legata alla psicologia.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

MakeItApp

Makeitapp.eu è il primo social collaborative network per creare app insieme. Gli...

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo

D'Uva Workshop

E' un'azienda che produce audioguide, videoguide, totem multimediali, applicazioni e...

Vai al profilo