TECNORAPIDI e TECNOVIGILI /

Autismo virtuale, schermi, i pericoli da 0 a 4 anni

Autismo virtuale, schermi, i pericoli da 0 a 4 anni

18 Marzo 2021 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Negli anni Ottanta si iniziava mediamente a guardare la tv a quattro anni, adesso si comincia a stare davanti a uno schermo a quattro mesi, quando il cervello non distingue ancora colori e forme e non è strutturato per l’apprendimento del linguaggio.

A partire dal 2005, Anne-Lise Ducanda [il suo diffusissimo video sull’autismo virtuale è finalmente tradotto in italiano, guardatelo e diffondetelo!] e Sabine Duflo, psicoterapeute che lavorano nei servizi sanitari della periferia parigina, hanno registrato un aumento esponenziale delle patologie legate ai disturbi dello spettro di autismo, dell’attenzione e del linguaggio.

 

Hanno quindi analizzato il ruolo del tempo-schermo in età prescolare e sono riuscite a identificare una nuova psicopatologia, da loro definita «autismo virtuale»: bambini tra i due e i cinque anni che non capiscono una semplice consegna, che non si muovono o, al contrario, sono molto agitati; scappano e buttano tutto per terra; non tollerano la frustrazione quando viene detto loro di no; urlano, si rotolano sul pavimento; a volte sono aggressivi, mordono, picchiano e graffiano, oppure hanno gesti inappropriati; fissano una luce, una finestra; giocano sempre con lo stesso giocattolo, con stereotipie, indifferenti al mondo che li circonda; bambini che spesso non reagiscono nemmeno quando viene pronunciato il loro nome, non giocano con gli altri, non parlano o lo fanno in ecolalia, oppure ripetono parola per parola la domanda che viene loro posta.

Spesso questi sintomi sono assimilabili ai disturbi dello spettro di autismo, per i limiti di comunicazione e interazione sociale, nonché per le attività e gli interessi selettivi.

Si parla però di autismo virtuale perché i sintomi scompaiono non appena si interrompe il tempo-schermo. Intervenendo nel dibattito, Daniel Marcelli – presidente della Société française de psychiatrie de l’enfant, de l’adolescent et des professions associées, nonché membro del Colletivo Surexposition écrans (CoSE) – ha parlato di evidenze cliniche che caratterizzano l’«esposizione precoce ed eccessiva agli schermi in tutte le loro forme (EPEE)».

Il testo è tratto da, S. Lanza, Perdere tempo per educare, educare all’utopia nell’epoca del digitale, 2020

 

 

 

Se siete arrivati fin qui potrebbe interessarvi anche ciò che segue:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


NeaLogic

NeaLogic è specializzata nella realizzazione di soluzioni mobile compatibili con...

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo

Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

Soft! e Oscar

Siamo un Team, con sede in Abruzzo, che si occupa della pianificazione, progettazione e...

Vai al profilo