TECNORAPIDI e TECNOVIGILI /

Autismo virtuale, schermi, i pericoli da 0 a 4 anni

Autismo virtuale, schermi, i pericoli da 0 a 4 anni

18 Marzo 2021 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Negli anni Ottanta si iniziava mediamente a guardare la tv a quattro anni, adesso si comincia a stare davanti a uno schermo a quattro mesi, quando il cervello non distingue ancora colori e forme e non è strutturato per l’apprendimento del linguaggio.

A partire dal 2005, Anne-Lise Ducanda [il suo diffusissimo video sull’autismo virtuale è finalmente tradotto in italiano, guardatelo e diffondetelo!] e Sabine Duflo, psicoterapeute che lavorano nei servizi sanitari della periferia parigina, hanno registrato un aumento esponenziale delle patologie legate ai disturbi dello spettro di autismo, dell’attenzione e del linguaggio.

 

Hanno quindi analizzato il ruolo del tempo-schermo in età prescolare e sono riuscite a identificare una nuova psicopatologia, da loro definita «autismo virtuale»: bambini tra i due e i cinque anni che non capiscono una semplice consegna, che non si muovono o, al contrario, sono molto agitati; scappano e buttano tutto per terra; non tollerano la frustrazione quando viene detto loro di no; urlano, si rotolano sul pavimento; a volte sono aggressivi, mordono, picchiano e graffiano, oppure hanno gesti inappropriati; fissano una luce, una finestra; giocano sempre con lo stesso giocattolo, con stereotipie, indifferenti al mondo che li circonda; bambini che spesso non reagiscono nemmeno quando viene pronunciato il loro nome, non giocano con gli altri, non parlano o lo fanno in ecolalia, oppure ripetono parola per parola la domanda che viene loro posta.

Spesso questi sintomi sono assimilabili ai disturbi dello spettro di autismo, per i limiti di comunicazione e interazione sociale, nonché per le attività e gli interessi selettivi.

Si parla però di autismo virtuale perché i sintomi scompaiono non appena si interrompe il tempo-schermo. Intervenendo nel dibattito, Daniel Marcelli – presidente della Société française de psychiatrie de l’enfant, de l’adolescent et des professions associées, nonché membro del Colletivo Surexposition écrans (CoSE) – ha parlato di evidenze cliniche che caratterizzano l’«esposizione precoce ed eccessiva agli schermi in tutte le loro forme (EPEE)».

Il testo è tratto da, S. Lanza, Perdere tempo per educare, educare all’utopia nell’epoca del digitale, 2020

 

 

 

Se siete arrivati fin qui potrebbe interessarvi anche ciò che segue:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Softec S.p.A.

Leader in Italia nell'ambito del Mobile Computing, per la realizzazione di...

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo

Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo