Tecnolatrici

01 Gennaio 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share

Il libro di Carlo Mazzucchlli 80 PROFILI DIGITALI - Identità, personalità e stili di vita determinati tecnologicamente, è pubblicato nella collana Technovisions di Delos Digital

Tecnolatrici

Tecnoloatrici sono coloro che, dotati di una fiducia illimitata nelle potenzialità della tecnologia la trasformano in un idolo, un Moloch da adorare. Nutrono una fiducia cieca nelle soluzioni taumaturgiche e nelle capacità salvifiche della tecnologia (ambiente, trasporti, ecc.) che possono spesso generare delle visioni insincere e inattendibili sul futuro della specie umana e della civiltà. La fiducia cieca nella tecnologia e nel futuro finisce per rassicurare e nascondere effetti e conseguenze negative e per giustificare la mancanza di impegno sociale e politico per il progresso sociale e il cambiamento.

Tecnolatrici sono spesso i tecnocratici che, avendo costruito il potere sulla tecnologia, finiscono per trasformarla in religione con l’obiettivo di rendere più difficili le critiche e favorire la collaborazione delle persone. I tecnolatrici hanno bisogno di tecnofili ma soprattutto di tecnoentusiasti e tecnoottimisti. Nella visione dei tecnolatrici l’individuo obbedisce alle regole imposte, è generalmente consenziente, forza il suo comportamento e adotta pratiche rinunciatarie e passive sottomesse alla tecnologia e ai suoi prodotti, così come alle grandi marche e ai loro marchi.

La visione tecnolatrica finisce per soggettivare la tecnologia, oggettivando il suo utilizzatore. L'uomo perde la sua centralità a scapito dello strumento tecnologico, sempre più intelligente e umanizzato e come tale vissuto come evoluzione deterministica verso la singolarità e forme di transumanesimo (superumanesimo) prossime venture. Il tecnolatrico che sposa questa visione assegna alla tecnologia un'anima, un'intelligenza superiore (Intelligenza Artificiale) e un ruolo chiave nell'evoluzione ed emancipazione umana nei confronti della natura e dell'universo. Il suo mondo è dominato dalla tecnica e tutto tecnologico e come tale appare deterministico, ineluttabile e non facilmente superabile.

Tecnolatrico e tecnoprogressita è considerato Marinetti, unitamente al movimento del futurismo che ha celebrato la potenza e l'estetica della meccanica come mezzo di rinnovamento sociale e di progresso industriale e tecnologico. Tecnolatrico è un po' tutto il XX secolo della modernità. Dopo la rivoluzione industriale e la sua promessa di progresso della tecnica e sociale, la tecnologia attuale ha dettato nuove rivoluzioni i cui effetti hanno stupito il senso comune e toccato ambiti eterogenei quali l'economia, la società, la cultura, la mente, la demografia e i consumi. Ne è derivata una religione tecnologica che ha eretto ovunque le sue chiese riempiendole di adepti, missionari e pastori ma soprattutto di milioni di fedeli.

Tecnolatrici sono oggi alcuni rappresentanti (tecnoanarchici, programmatori, imprenditori e finanziatori, pubblicitari) del capitalismo tecnologico americano come Peter Thiel, il fondatore di PayPal e di molti altri progetti tecnologici (startup) di successo, sostenitori di un capitalismo senza regole, libertariano e anarchico che sposa la libertà a scapito della democrazia con visioni spesso destrorse e tradizionaliste rispetto ai valori attuali. Sono darwinisti tecnologici convinti che la tecnologia renderà liberi gli individui più adatti e dotati, conducendoli verso il superamento della specie umana e l'apparizione dell'homo technologicus, modello superuomo fatto di robotica, protesi tecnologiche e intelligenza artificale.

La fede cieca del tecnolatrico lo porta a ipotizzare il superamento della morte ma anche ad accettare progetti tecnologici, potenzialmente lesivi di molte libertà individuali e di conquiste sociali in termini di diritti acquisiti. Progetti che prevedono in genere l'uso massiccio del Big Data per raccogliere e analizzare dati sensibili delle persone (Palantir Softawre), per informatizzare la sequenziazione biologica del DNA (Halcyon Molecular) , per sostenere lo sviluppo della singolarità, ecc.

Il progresso tecnologico è tale dal trasformare i numerosi tecnolatrici moderni in guru evocativi e carismatici da seguire e adorare per la loro capacità visionaria e di fare soldi. La dipendenza diffusa dalle nuove tecnologie e il tempo dedicato alla vita virtuale e incosciente dei social network, impedisce ai più di interrogarsi su quanto sia valida, veritiera e utile la religione tecnolatrica professata dai suoi sacerdoti ed eroi. Ne consegue che il dogma della crescita tecnologica illimitata non è messo in discussione e che si diffonda un estremismo tecnologico che non ammette obiezioni e lascia poco spazio a discorsi politici, etici e sociali alternativi.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database