Internet...e poi?

06 Dicembre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Secondo Dominique Wolton l’avvento di internet ha portato la persona in un’era di “solitudini interattive”, contrassegnate dal costante e ossessivo bisogno di essere sempre reperibili, pluriconnessi e abili navigatori della rete. Di conseguenza nell’individuo si sviluppano stati di angoscia se non si viene cercati, nonostante la grande reperibilità consentita da cellulari, posta elettronica, computer e social network. Avere competenze tecniche e possibilità di uso costante della rete, non stimola la capacità di avere relazioni umane; infatti si può essere abilissimi ma contemporaneamente avere grandi difficoltà nelle conversazioni faccia a faccia.

Dominique Wolton, Internet...e poi? Teoria critica dei nuovi media - Edizioni Dedalo


Internet è davvero una rivoluzione tanto importante quanto quella della radio negli anni '20 e quella della televisione negli anni '60? Per comprendere i nuovi media è necessario inserirli nel contesto della teoria generale della comunicazione e non confondere progresso tecnico e comunicazione umana.

Certo, gli ultimi perfezionamenti tecnici sono davvero inauditi, ma non è trasmettendo sempre più rapidamente un numero crescente di informazioni che si comunicherà meglio. Prima o poi giunge il momento in cuiè necessario spegnere i terminali e cominciare a parlarsi... L'obiettivo del libro è proprio questo: mettere a confronto i vantaggi e gli svantaggi rispettivi dei media classici e di quelli "nuovi", relativizzare il tema della "rivoluzione della comunicazione" e rassicurare tutti coloro che si credono, a torto, superati. Internet non creerà magicamente una società in cui tutte le forme d'informazione circoleranno liberamente e pacificamente, e i rapporti sociali saranno miracolosamente modificati.

Il Web non soppianterà la radio e la televisione nel loro ruolo essenziale di legame sociale. Se le nostre democrazie vogliono restare fedeli al loro progetto di emancipazione politica, devono regolamentare i nuovi media, evitando così che la libertà di comunicazione diventi sinonimo di legge della giungla.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

Bluzz

Bluzz è un marchio che raggruppa professionisti e aziende che operano da più di...

Vai al profilo

eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

D'Uva Workshop

E' un'azienda che produce audioguide, videoguide, totem multimediali, applicazioni e...

Vai al profilo