Fantascienza /

Homo cyborg : il corpo postumano tra realtà e fantascienza

Homo cyborg : il corpo postumano tra realtà e fantascienza

19 Novembre 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - "Sta profilandosi all’orizzonte culturale umano l’intersezione di due dei più potenti fenomeni che ereditiamo dai nostri genitori: il pancapitalismo e il postumanesimo. Due colossi dello sviluppo umano che, se o quando saranno uniti, genereranno gli scenari terrificanti che abbiamo letto nella produzione fantascientifica di quasi un secolo - da Metropolis di Fritz Lang (1926) a Matrix di Andy e Larry Wachowsky (1999) - ma che già, in maniera indipendente, hanno messo in crisi l’essere umano: il pancapitalismo (dacché imperante e senza altre vere alternative) da un punto di vista economico e sociale, il postumanesimo da un punto di vista psicologico. A differenza del primo, però, il postumanesimo è una necessità..." (Sitosophia.org)

Il libro di Yehya, Naief Homo cyborg : il corpo postumano tra realtà e fantascienza (2005) è pubblicato in Italia da Eleuthera


Siamo (o saremo) tutti cyborg?
C'è già più realtà e scienza che fantascienza in questa domanda. Perché ormai la tecnocultura rimodella le coscienze, i corpi, la realtà stessa. Ci offre rifugio nello spazio virtuale per difenderci dal deterioramento corporeo: manipola il DNA; produce comportamenti farmacologicamente indotti: impone la modella "ginoide", asessuata: esalta l'industria del culto fisico e della chirurgia plastica: fa pratica con l'eugenetica e la donazione...

Le tecnologie destinate a migliorare il corpo ci possono rendere, in un futuro molto prossimo, tutti cyborg, organismi cibernetici padroni dell'evoluzione, pronti addirittura a superare la nostra condizione mortale.
Ma l'orizzonte postumano è solo l'ennesimo tentativo di creare un dio, non padre ma figlio delle nostre menti e della nostra tecnologia. La posta in gioco siamo noi stessi, la nostra umanità, il nostro corpo.

L'umanesimo di Yehya, né tecnofilo né tecnofobo, invita a un'allarmata attenzione verso le tecnologie che oltretutto sono troppo spesso appannaggio dell'ideologia e della pratica militare.

Recensione Sitosophia.org

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


D'Uva Workshop

E' un'azienda che produce audioguide, videoguide, totem multimediali, applicazioni e...

Vai al profilo

Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

Mobijay

Produzione app per dispositivi mobili

Vai al profilo