Tabulario /

La solitudine del social networker e nuove conversazioni umane

La solitudine del social networker e nuove conversazioni umane

12 Ottobre 2015 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
La realtà è fatta di selfie e di profili inanimati, oggetti molto virtuali capaci di allontanarci da legami autentici, con noi stessi e con gli altri e di produrre grande solitudine. Google e Facebook sono spazi perfetti per sperimentare la nostra pigrizia e ricerca di comodità. Questa è la condizione umana dell’era digitale fornita da Sherry Turkle nel suo nuovo libro Reclaiming Conversation

 

Avendo scritto un ebook sulla Solitudine del social networker, sono debitore a Sherry Turkle dell’ispirazione iniziale e di numerosi spunti che mi hanno permesso di dare forma al mio testo. Da tempo l’autrice con il suo lavoro di ricerca e scrittura esprime una voce dissonante nella narrazione tecnologica attuale, molto conformista e fidelizzata dalla potenza delle marche che rappresentano la rivoluzione in corso. Le sue ultime ricerche sono ora disponibili nella forma di un nuovo libro da poco uscito negli Stati Uniti e che sarà sicuramente presto disposnibile anche in Italia: Reclaiming Conversation: The Power of Talk in a Digital Age.

La Turkle richiama tutti, con un approccio scettico e empirico, ad una riflessione critica più allargata e approfondita e ad analizzare l’approccio integralista che accompagna molte delle letture sociologiche e psicologiche della realtà tecnologica, individuale e sociale di oggi. La sua visione non è estremista e neppure tecnofoba ma costruita da osservazioni sul campo e da uno sguardo realista che punta a demistificare il modo felice della tecnologia facilitando lo sviluppo di una nuova consapevolezza sugli effetti e le conseguenze di una evoluzione/rivoluzione che sembra essere sfuggita di mano o non impensierire la massa dei consumatori utenti.

 

Fonte: www.nytimes.com

Nel suo libro Insieme ma soli l’autrice aveva descritto le relazioni umane ai tempi di Facebook e dei social network ma anche le interazioni delle persone con la macchine intelligenti e i robot. La sua ricerca sul campo aveva evidenziato la facilità e la rapidità con cui i soggetti, modificati tecnologicamente, intervistati erano disposti a considerare i surrogati tecnologici come meglio di niente o migliori dei loro originali umani e a preferire le comunità virtuali online a quelle sociali e fisiche offline.

Nel suo nuovo libro Reclaiming Conversation The Power of Talk in a Digital Age, la Turkle continua la sua ricerca e ne condivide i risultati che la portano ad alzare l’allarme su quanto l’essere umano stia rischiando di perdere in termini di empatia e capacità di introspezione e di atrofizzazione di molte specificità prettamente umane. Il suo suggerimento è di non lasciarsi sfuggire il controllo della situazione e di rimettere la tecnologia sui giusti binari in modo da liberarsi dalla percezione sempre più diffusa che le nuove tecnologie siano oggi sempre più in grado di controllarci, condizionarci e isolarci.

Il tema di fondo è che le conversazioni che animano gli spazi abitati e sociali della rete siano continue ma anche alternative a quelle reali. Una alternativa ricercata  e quasi desiderata da utenti e individui preoccupati più dell’apparire che dell’essere, dell’immagine ritoccata più di quella messa alla prova dal faccia a faccia e incapaci a recuperare forme di interazione sociale diverse di cui sentono una forte nostalgia ma che non riescono a praticare.

Secondo la Turkle l’aver sostituito la conversazione umana con la comunicazione digitale mette a rischio gli elementi costitutivi dell’umanità e trasforma noi stessi e gli altri in semplici oggetti da consumare incapaci di condividere sentimento profondi come gli affetti e di condurre conversazioni a partire dal riconoscimento dell’umanità dell’interlocutore/interlocutrice. Un riconoscimento che non può avvenire online e in luoghi nei quali ci si presenta e si conversa attraverso personalità e profili virtuali ma si sviluppa a partire dalla percezione e esperienza dell’empatia che sempre nasce da una conversazione faccia a faccia.

 

 

Il libro è strutturato in modo sistematico e analizza tutte le varie tipologie di conversazione, a partire da quella con se stessi, in famiglia e con gli altri fino a quelle, molto documentate e trattate perché legate alla interazione tra aziende e clienti e che tanti libri di marketing e strategia hanno generato.  Una attenzione particolare è dedicata alla sparizione delle conversazioni familiari in contesti nei quali, sia i ragazzi che i genitori, comunicano di più con i loro dispositivi e display di quanto non facciano tra di loro. Il paradosso è che molti genitori si lamentino della impossibilità a comunicare con i loro figli e poi siano i primi a regalare loro dispositivi sempre più aggiornati tecnologicamente rinunciando alla responsabilità che dovrebbe portarli a spezzare il legame che i loro ragazzi hanno costruito con gli stessi.

La conoscenza approfondita di questa realtà diffusa, ormai oggetto di ricerche e analisi da parte di un numero crescente di psicologi e terapeuti della famiglia, permette alla Turkle di fornire una analisi attenta del ruolo della conversazione tra genitori e figli e di come essa sia mutata a causa della pervasività della tecnologia e delle sue conversazioni digitali. Ne deriva un forte e sentito invito ai genitori a riflettere su quanto sta succedendo loro, a fare delle scelte e a prendere decisioni finalizzate a ridefinire lo strumento e la pratica della conversazione.

E’ probabile che anche questo ultimo libro di Sherry Turkle venga catalogato tra i testi tecnofobi e tecnocritici da evitare perché basati su pregiudizi intellettuali incapaci di comprendere benefici e vantaggi della trasformazioni tecnologiche. In realtà il testo è pragmatico e può essere usato come una guida per sviluppare nuove forme di dialogo con i bambini, definire nuove modalità didattiche e di dialoghi scolastici in classe ma anche nuove forme di dialogo e comunicazione in azienda  e tre una organizzazione aziendale e la sua clientela.

L’approccio dell’autrice è tecno-pragmatico, invita alla maggiore riflessione critica che deve portare a un uso consapevole della tecnologia e alla produzione di nuove interfacce tecnologiche capaci anche di suggerire la bontà e la necessità della disconnessione e, per citare un altro suo libro, per limitare la vita sullo schermo.

Reclaiming conversation tocca anche i temi della privacy e della robotica, riprende quelli dl suo libro precedente sulla solitudine e si diverte a ricordare a tutti che in casa Steve Jobs vietava l’uso di smartphone e altri dispositivi tecnologici.

 

Chi amasse i prodotti della Apple come li amava Jobs potrà trovare nel libro motivazioni nuove per l’acquisto di un libro, per conversazioni faccia a faccia su argomenti non tecnologici e per attività che mettono in disparte la tecnologia. La stessa scelta potrebbe farla anche chi non dispone di un iPhone o iPad, chi vive condizioni sociali e personali di solitudine e cerca soluzioni online o chi è troppo povero o prive degli strumenti culturali necessari a difendersi dalla cultura consumista e tecnologica attuale. La differenza di atteggiamenti, comportamenti e scelte evidenzia quanto le tecnologie moderne siano sempre meno neutre politicamente. La loro non neutralità è evidenziata dalla differenze riscontrabili tra giovani piegati all’uso della tecnologia e loro compagni capaci al contrario di difendersi elaborando pensieri, valori e comportamenti con tutti e due i piedi radicati nella realtà del reale e capaci di fornire linfa vitale alla mente e al suo vagare nei mondi virtuali della tecnologia.

 

 


 

* Gli spunti per questo articolo sono tratti da un articolo pubblicato dallo scrittore Franzen sul New York Times

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo

Engitel

Engitel è una digital company che si occupa di Web e Mobile sin dal 1995. Realizza...

Vai al profilo

MakeItApp

Makeitapp.eu è il primo social collaborative network per creare app insieme. Gli...

Vai al profilo

Simplicissimus Book Farm srl

Simplicissimus Book Farm nasce nel giugno 2006, alla fine di una vera e propria indagine...

Vai al profilo