TECNORAPIDI e TECNOVIGILI /

Generazione APP: la generazione più stupida?

Generazione APP: la generazione più stupida?

12 Maggio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
A dirlo è Mark Bauerlein nel suo libro provocatorio The Dumbest Generation nel quale sostiene che la cultura e i media digitali stanno rendendo stupidi i ragazzi americani e distruggendo il loro futuro. I ragazzi sono iperconnessi e sempre in contatto tra di loro ma sempre più ignoranti su argomenti importanti come la storia, l'economia, la cultura e tutto ciò che è importante per una partecipazione civica significativa.

I libri come quelli di Mark Bauerlein non sono molti, La maggior parte di chi si occupa della cultura digitale dei giovani preferisce infatti sottolineare, a volte in modo entusiastico, la potenzialità dei media digitali e delle nuove tecnologie.

Secondo alcuni di questi tecno-entusiasti, autori come Clay Shirky e Henry Jenkins, i nuovi media promettono di inaugurare un'epoca di grande partecipazione democratica senza uguali e di offrire a tutti l'opportunità di sperimentare, individualmente e collettivamente, nuove oportunità, nuove capacità, nuovi ambiti di conoscenza e di espressione creativa.

Per quest autori ciò che è cambiato con le nuove tecnologie è l'accesso ad una gamma infinita di informazioni e idee che ci possono aiutare nei nostri processi mentali e decisionali, ad informars, a tessere legami con altre persone e fare scelte avvedute. Secondo questa visione il mondo attuale, fatto di Internet, dispositivi mobili e soprattutto innumerevoli APP, ci offre infinite opportunità e opzioni, la maggior parte delle quali sono positive e utili per la realizzazione del sè, ma anche per arricchirsi culturalmente e cognitivamente e per trarne benefici e vantaggi tangibli.

 

Secondo Mark Bauerlein e altri studiosi come ad esempio Sherry Turkle o Jaron Lanier, i media digitali stanno cambiando le nostre abitudini e lo stanno facendo in peggio. Ad esempio ci incoraggiano a comunicare ma solo con le persone che la pensano come noi e si impongono determinando il modo con cui sviluappiamo la nostra cultura e il nostro intelletto. Prova ne è il calo drammatico nella lettura e nella capacità di prestare attenzione ad altro che non sia il proprio dispositivo mobile (dato in controtendenza con quanto emerso dal salone del libro di Torino nel quale è stato evidenziato un ritorno alla lettura da parte dei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni).

Le nuove abitudini sono così diffuse nelle nuove generazioni che solo pochi di coloro che vi fanno parte avranno iniziato a leggere questo testo o saranno arrivati fin qui. In media infatti il tempo da loro dedicato alla lettura nell'arco della giornata è minimo, soprattutto se gli amici hanno riempito la giornata con nuovi aggiornamenti di stato e post sulle loro pagine del muro delle facce di facebook. Ne deriva, secondo l'autore, una ignoranza diffusa e una pratica online che non sfrutta in alcun modo le grandi potenzialità della rete per dedicarsi principalmente al gossip e al riempimento del proprio tempo libero con attività leggere e poco impegnative.

La generazione di nativi digitali che sta crescendo è sempre più disconnessa dal mondo degli immigrati digitali e adulti, non sembra condividerne le tradizioni, la storia, la cultura, il contesto e l'abilità o capacità di sedersi e di aprire un libro spegnendo lo schermo o il proprio dispositivo mobile.

Le tesi sostenute da Mark Bauerlein non devono necessariamente essere condivise ma utilizzate per una riflessione più ampia e utile a contrasatre i troppi corifei del pensiero unico tecnologico che sembrano dare per scontata una evoluzione umana sempre più tecnologica.

Una specie di destino e una destinazione su un percorso unidirezionale che ci porterà ad una esistenza totalmente tecnologica.

La riflessione è necessaria perchè le nuove tecnologie come tutte quelle che le hanno precedute (orologio, ruota, telaio, macchina  a vapore, razzi spaziali, telegrafo, telefono, televisione, radio, ecc.) sono strumenti e mezzi con cui compiamo le nostre azioni ma al tempo stesso modificano profondamente la nostra natura umana, i pensieri e le nostre azioni. Intervengono cioè a livello psicologico modificando il nostro modo di percepire il mondo e condizionando la nostra attenzione, concettualizzazione, le nostre  capacità decisionali e le decisioni,le  azioni e altri processi mentali.

Nella sua evoluzione continua la tecnologia ci ha pian piano trasformati in ingranaggi che servono a far funzionare macchine da noi stessi costruite. E' quello che succede con le APP di cui disponiamo sul nostro smartphone o tablet. Muoviamo i nostri polpastrelli ed esercitiamo la nostra tattilità su superfici tattili e 'responsive' pensando di essere noi a guidare il gioco e di avare in mano il mondo intero ma in realtà siamo costretti a muoverci all'interno di griglie e barriere imposte da altri che determinano il grado della nostra libertà e delimitano lo scopo delle opzioni disponibili. Ogni APP può rappresnetare una sfida e offrire la possibilità di nuove forme di creatività, ma se non si è uno sviluppatore e non si sa come scrivere del codice, la libertaà e la creatività risultano essere piuttosto limitate da restrizioni imposte da altri.

La maggior parte degli utilizzatori di smartphone e tablet non sembrano rendersi conto della limitazione in cui sono costretti (perchè sono stupidi direbbe Mark Bauerlein). A determinare l'uso del loro dispositivo mobile e delle APP disponibili sono nuove abitudini che dettano i ritmi della loro vita quotidiana e ne occupano la maggior parte del tempo.

Peccato che le abitudini non siano neutrali e possano determinare in positivo o negativo la vita di chi le pratica, soprattutto se è ancora giovane e quindi più facilmente plasmabile. Le abitudini sviluppate e praticate dalle nuove generazioni digitali sono determinate dalla prossimità continua con un dispositivo mobile e dalla sua offerta di opzioni e possibilità per far passare il tempo. Ne deriva un uso della tecnologia finalizzato a comunicare e a tenersi aggiornati su cosa stanno facendo amici e conoscenti.

Solo pochi smanettano realmente con l'obiettivo di ampliare le loro conoscenza e pochissimi usano le nuove tecnologie per migliorare tecniche di lavoro, per sperimentare nuove forme di gioco, dare libero sfogo alla creatività o per interagire in modo più costruttivo con altri.

 

 

Le nuove abitudini nascono da APP che, nella stragrande maggioranza, impongono le loro regole e percorsi e finiscono per creare quanche forma di dipendenza, di cui molti sembrano essere contenti per i benefici e il benessere che ne derivano.

Le APP dovrebbero al contrario essere usate per sperimentare e così facendo pper dare sfogo alla propria creatività e facilitare la ricerca di situzioni accattivanti e interessanti.

L'importanza delle APP nella vita digitale odierna e soprattutto in quella dei nativi digitali sta nel ruolo che la tecnologia ha assunto della formazione dell'identità individuale, nella definizione di nuove forme relazionali e di intimità tra persone o coetanei e nel dare forma alla nostra immaginazione. Identità, intimità e immaginazione sono temi recentemente trattati nel libro 'Generazione APP', scritto da Howard Gardner e usati per sottolineare come le APP possono incidere negativamente sulla formazione dell'identità, favorire legami superficiali e renderci pigri oppure permetterci di sviluppare e formare la nostra identità, di metterci a dispsosizione un mondo più vasto di nuove relazioni e offrirci nuovi modi di immaginare.

Le nuove APP e le nuove tecnologie digitali non rendono necessariamente stupidi ma le abitudini che si possono sviluppare da esse si!

Le abitudini finiscono per condizionare la crescita e la vita di ogni persona. Apprendere o sviluppare cattive abitudini da giovani può essere la causa di maggiore stupidità! Tra queste abitudini ci sono quelle sviluppate da un rapporto subalterno e passivo delle nuove tenologie e i molte APP.

Nessuno vieta però di sviluppare abitudini diverse , rifuggire dalla superficialità  e fare delle APP un uso attivo e creativo, invece di farsi passivamente programmare da loro. In questo modo ci si renderebbe anche autonomi da quanti, con le APP, ci vogliono trasformare in consumatori perfetti!

 

*Spunti tratti da due libri, "The dumbest generation" di Mark Bauerlein e 'Generazione APP' di Howard Gardner e Katie Davis.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo

di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo

Codermine srl

Azienda di sviluppo web, mobile (android, ios e windows phone) e IOT (internet of...

Vai al profilo