Lifestyle /

Artificiale, capace di apprendere e intelligente: il Chatbot del futuro è già qui

Artificiale, capace di apprendere e intelligente: il Chatbot del futuro è già qui

25 Maggio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
In questi giorni molti utenti della Rete stanno ricevendo email intimidatorie che comunicano denunce depositate per violazioni della dignità e della rispettabilità delle persone attraverso Facebook. Si tratta naturalmente di malware e nuovi esercitazioni di attacco alla vulnerabilità degli utenti. Cosa potrebbe succedere a breve quando il Chatbot Viv sarà in grado di sostituire utenti Facebook e usare la piattaforma social per interazioni, conversazioni e collaborazioni?

I nuovi oggetti tecnologici che hanno richiamato l’attenzione di chi si occupa di novità tecnologiche sono dei Chatbot dalle caratteristiche disruptive per le loro potenzialità e capacità di cambiare molte delle realtà nelle quali si esercitano molti utenti della Rete e utilizzatori di prodotti tecnologici.

Sono Chatbot dotati di qualche forma di intelligenza artificiale che li rende capaci di sostituirsi a chi li possiede e ad agire in loro vece. Ad esempio presenziando e abitando i social network come Facebook postando messaggi, conversando con amici e contatti, esprimendo MiPiace o inviando messaggi di buon compleanno e felice anniversario a parenti e amici stretti, congratulandosi con colleghi per una loro promozione ma anche accettando inviti di collegamento o a partecipare a gruppi di conversazione e condivisione. Il tutto mentre i membri effettivi di Facebok stanno dormendo, riposando o semplicemente hanno staccato, per un attimo più o meno lungo, la spina.

Uno di questi Chatbot, chiamato The Chat Bot Club e disegnato da Irene Chang, una sviluppatrice software, è un prototipo dotato di intelligenza artificiale disegnato per gestire le comunicazioni di Facebook Messenger in modo autonomo e indipendente dall’utente. Il Bot è molto più di un semplice risponditore automatizzato ma fa uso della potenye piattaforma di elaborazione Watson, creata da IBM e capace di interagire in linguaggio naturale. Grazie alla potenza di calcolo e alle risorse di Watson, il Chatbot Club è capace di parlare e comunicare ma anche di imparare e migliorare la sua comprensione del linguaggio altrui e di rispondere in merito. Apprende stili diversi di scrittura e linguaggio, le frasi preferite e quelle usate per abitudine dall’utente, sa come usare le faccine per esprimere sentimenti, rimanere saldo su opinioni precedentemente espresse e rispettare l’etichetta della comunicazione di genere o legata all’età.

Il nuovo Chatbot non è una realtà alinea di là da venire ma sarà probabilmente in circolazione entro pochi mesi e già nel corso del 2016. Non sarà il primo e neppure l’ultimo perché tutte le piattaforme di media sociali ne vorranno avere uno, più intelligente degli altri, più performante e soprattutto più usato e capace, per le sue capacità, di attrarre nuovi utenti.

Questi oggetti tecnologici non vengono dal nulla ma da una lunga storia e costanti investimenti che portano le lancette dell’orologio agli anni 60 e alle prime sperimentazioni con il linguaggio naturale e la intelligenza artificiale. Oggi quel percorso sembra avere aperto le porta a destinazioni numerose e diverse grazie alla potenza di elaborazione disponibile, alla immensa quantità di dati e al cloud computing.

Molti degli assistenti personali già disponibili sugli smartphone sono già dei Chatbot e domani ce ne potrebbero essere di simili all’ingresso di un cinema o teatro, all’interno degli aeroporti o delle hall degli hotel. La loro diffusione dipenderà dalle loro elevate capacità e intelligenza ma anche dall’economia di scala che li renderà largamente ed economicamente accessibili a tutti. A usarli saranno sempre di più anche le aziende per le loro attività marketing, commerciali e di customer service. Dovranno fare i conti con il desiderio del cliente di avere interlocutori umani capaci di comprendere la loro psicologia ma per vedersi soddisfatti probabilmente non dovranno aspettare a lungo. Presto potrebbero fare la loro apparizione sul mercato dei robot dotati di intelligenza artificiale ma anche di capacità psicologiche che permetterà loro di interagire sulla base di emozioni, sentimenti e dei modi in cui essi vengono manifestati ed espressi.

Il segreto di queste nuove macchine intelligenti sarà la loro capacità di apprendere e di imitare nei comportamenti, nelle abitudini, nelle reazioni e persino idiosincrasie i loro ‘padroni’ umani.

L’errore e la gaffe sono al momento sempre possibili, come ha dimostrato Tay, il Chatbot di Microsoft ma non è detto che tutti se ne accorgano e se qualcuno non prova alcun sentimento negativo per Hitler o le battute sessiste, Tay potrebbe anche non avere bisogno di un aggiornamento software. In alternativa tra no pochi anni a dover essere aggiornati alla nuova versione di software potrebbero essere gli umani….

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


NERDYDOG

NerdyDog Web Agency è specializzata nello sviluppo applicazioni per mobile in...

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo

Stefano Galizia

Sviluppatore iPhone ed Android

Vai al profilo