Tecnologia e sorveglianza /

Forme di sorveglianza di cui non si parla mai

Forme di sorveglianza di cui non si parla mai

20 Giugno 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il GDPR da poco entrato in vigore ha alimentato la narrazione mediatica sulla privacy e la protezione dei dati sensibili dei cittadini europei. Nessuna o quasi narrazione racconta invece altri diritti calpestati, quelli di altri cittadini, abitanti di paesi totalitari che stanno facendo uso della tecnologia, prodotta quasi esclusivamente nei paesi occidentali e democratici, per sorvegliare, spiare, controllare e reprimere.

Le primavere arabe hanno mostrato in tutta evidenza come e quanto il potere e i governi possano trarre vantaggio dalle nuove tecnologie. Di queste primavere ormai estinte i media hanno raccontato diffusamente l'uso che i cittadini hanno fatto della tecnologia per organizzare le loro proteste, i loro raduni e le loro iniziative di informazione. Scarsa è stata invece l'attenzione verso ciò che i governi, dei paesi coinvolti dalle proteste, hanno fatto per impedirle, sedarle e controllarle attraverso la tecnologia.

Da anni è evidente che molti paesi autoritari facciano affidamento sulla tecnologia, quasi sempre di provenienza occidentale, per garantire il controllo e l'ordine, la sorveglianza e la repressione. Il risultato è spesso un abuso di potere che si traduce in violazioni dei diritti delle persone, spesso esercitate attraverso l'uso di software usato per filtrare e/o bloccare contenuti su Internet ma soprattutto per spiare i cittadini. Gli ambiti di applicabilità delle nuove tecnologie sono infiniti. Si va dall'ascolto delle telefonate da dispositivo mobile al riconoscimento vocale all'interno di reti mobili, dal leggere le email e i messaggi di testo alla censura di pagine, siti e contenuti web, dalla modifica dei testi delle email mentre stanno per essere consegnate al tracciamento degli spostamenti attraverso sistemi GPS.

Molti di questi software usati per spiare e controllare sono installati sui dispositivi personali dei cittadini utilizzando approcci e modalità simili a quelle usate dai cybercriminali che fanno uso di malware o spyware con l'obiettivo di rubare le credenziali di accesso per poi operare i loro attacchi criminali. Questi software possono trasformare le fotocamere e i microfoni di un dispositivo in strumenti di registrazione e controllo, anche quando non sono utilizzati. Le miriadi di dati e di informazioni raccolte vengono poi filtrati, organizzati e analizzati con strumenti tecnologici sempre più potenti e utili per migliorare costantemente la capacità di spionaggio, sorveglianza e controllo.

Il fenomeno è noto a tutti ma pochi ne parlano. Non ne parlano certamente le molte multinazionali o società tecnologiche, principalmente americane ma anche canadesi, tedesche e israeliane, che producono questi software e che li forniscono a paesi più o meno autoritari, ben sapendo a che utilizzo saranno destinati. Ne parlano poco o non a sufficienza i principali media delle società cosiddette democratiche. Se ne parla pochissimo sui social network, sempre più caratterizzati da disinformazione e misinformazione. Non sembrano interessati al fenomeno i governi  nazionali, gli stessi che poi si trovano a fronteggiare le molteplici crisi legate alle migrazioni di milioni di persone, molte delle quali causate dalle politiche autoritarie e dall'assenza di democrazia di paesi come Siria, Afganistan, Egitto, Turchia, ecc.

A parlarne sono rimasti i molti attivisti della Rete e associazioni nate per difendere i diritti delle persone in ogni parte del mondo, anche in paesi al di fuori delle democrazie occidentali. Queste associazioni si rivolgono principalmente ai governi affinché intervengano per monitorare se e quanto gli strumenti tecnologici venduti da aziende occidentali vengano utilizzati per una sorveglianza che si traduce in abusi, imprigionamenti, violazioni dei diritti dei cittadini e torture.

Al momento molte delle richieste di queste associazioni e dei molti cittadini della Rete sensibili agli effetti della sorveglianza tecnologica, non hanno ottenuto risposta. Le loro voci sono ancora flebili, isolate e sconosciute. Proprio per questo meriterebbero maggiore attenzione soprattutto un supporto maggiore da parte dei cittadini della Rete, in termini di condivisione e contributi informativi utili a una maggiore conoscenza e consapevolezza.

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


iMotion Software

iMotion Software è una realtà attiva nello sviluppo di soluzioni mobile in ambito...

Vai al profilo

Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

Andrea Parisse

Enterprise Architect Sono laureato in Informatica e lavoro nel settore ICT di una...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo