PENSIERO [1]

01 Marzo 2021 Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
share
pensièro [dal provenz. pensier, der. del lat. pensare «pensare»]. La facoltà del pensare, propria dell'uomo, l’attività psichica mediante la quale l’uomo acquista coscienza di sé e della realtà che considera come esterna a sé stesso, di cogliere valori universali e costruire nuovi modelli che trascendono i limiti della percezione sensibile, di formarsi una coscienza.

Autore: Maurizio Chatel


 

Da pensare, termine latino indicante il “pesare con cura”. 

Nell’attività umana per eccellenza è insita dunque la cura, che è quel prendersi il tempo necessario per svolgere il nostro compito senza fallire, per essere-per-gli-altri senza pre-occuparci ma occupandocene. 

Quando penso non mi pongo delle mete, ma non mi pongo neppure dei limiti. Il pensiero ferma l’azione, il pensiero blocca, il pensiero fa pensare, che è proprio il contrario del fare. Il pen­siero ha una grande forza su di noi, sulla realtà: ci immobilizza, “ci toglie da”, ci isola, taglia i rapporti, le chiacchiere, allontana la decisione.

Per queste sue caratteristiche, il pensiero non è calcolo; non è progettare ma contraddirsi, scoprire che dentro di noi siamo in due o più, e che ognuno va per conto suo, per strade che a volte non si toccano. Non c’è pensiero se non c’è dialogo, scambio molesto tra il mio volere e un altro volere che si mostra ancora mio, ma in modo diverso. Pensare è vita, la vita della mente, di questa cosa che non sappiamo cosa sia e dove sia. 

«Il pensiero possiede un effetto distruttivo, tale da minare in profondità tutti i criteri fissati, i valori condivisi, le unità di misura del bene e del male, insomma tutti i costumi e le regole di condotta di cui si tratta nella morale e nell’etica. Questi pensieri congelati sono così comodi che li si può usare anche dormendo, ma se il vento del pensiero ti ha scosso dal sonno, ti accorgerai di non avere in mano se non delle perplessità.» Hannah Arendt, La vita della mente


 

La libertà di pensiero ce l'abbiamo. Adesso ci vorrebbe il pensiero.” KARL KRAUS

Non è la materia che genera il pensiero, è il pensiero che genera la materia.” GIORDANO BRUNO

I limiti del mio linguaggio sono i confini del mio pensiero. Tutto ciò che io conosco è ciò per cui ho delle parole.” LUDWIG WITTGENSTEIN

 

 
comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

AteneoWeb S.r.l.

AteneoWeb è un circuito di Professionisti (dottori commercialisti, consulenti del...

Vai al profilo

Move On

Film al cinema è un applicazione sviluppata da Move On (www.moveon.it) azienda...

Vai al profilo

Connexxa

Vai al profilo