Tabulario /

👩‍🚒️ 👩‍🚒️ 👩‍🚒️ Dal lavoro agile a quello fragile

👩‍🚒️ 👩‍🚒️ 👩‍🚒️ Dal lavoro agile a quello fragile

18 Marzo 2020 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Pensate alle narrazioni che hanno dominato il tempo prima del Coronavirus.

Una descriveva vantaggi, libertà, assenza di vincoli del lavoro agile.

L’altra celebrava evoluzione e potenza dell’intelligenza artificiale e dei suoi algoritmi.

Di smart-working si continua a parlare ma solo per alcune categorie di persone. Di AI non parla quasi più nessuno.

Segno dei tempi!

Un virus opportunista e cattivo ha zittito entrambe le narrazioni evidenziando la fragilità del lavoro e il ruolo fondamentale di lavoratori con carne e ossa, forza d’animo, sentimenti, energia sanguigna, volontà e capacità molto umane.

Per il blocco di molti settori dell’economia, il lavoro da agile è diventato fragile.

Lo sanno dipendenti di hotel, ristoranti e agenzie di viaggio, tante partite Iva, formatori, rider, esternalizzati, artisti, ecc.

Un esercito di persone, precarie e stressate, che oggi precipitano nell’incubo di non riuscire a mantenersi. Toccate nell’osso e nella carne (citazione da Marco Revelli).

Coinvolte sono milioni di persone con lavori precari, che oggi lavorano mentre tutte le altre dovrebbero essere a casa.

La realtà evidenzia la fallacia di tante narrazioni e la necessità di ripensare modelli organizzativi e (bio)politici, teorie economiche e tecno-ideologie dominanti.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Appytech Srl

Vai al profilo

ePERFECTMAGAZINE

eMAGAZINE - " cose che non leggi altrove" il FREE magazine che ti racconta di arte, moda...

Vai al profilo

NewsCinema

NewsCinema è una testata giornalistica online su www.newscinema.it e...

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo