Social e Cyberbullismo /

Litigando si impara. Disinnescare l'odio online con la disputa felice

Litigando si impara. Disinnescare l'odio online con la disputa felice

07 Dicembre 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un libro di Bruno Mastroianni, non un manuale di comunicazione gentile, ma il suo contrario: un corso di “lotta di strada” per imparare a dissentire in ogni situazione, sia quando si è circondati da interlocutori ostili e tutto sembra perduto, sia quando si sono compiuti passi falsi e si vuole recuperare dopo aver compromesso il confronto.
Non bisogna aver paura della naturale tendenza umana a litigare, occorre solo guardarla in faccia per quello che è, con Isaac Asimov: la violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci (a discutere). Dalle ceneri fallimentari dei nostri litigi possono crescere dispute piene di soddisfazione.
Basta imparare dai propri errori. Litigando s’impara.

 

A chi abita le piattaforme con occhio attento e spirito critico il secondo libro (Litigando si impara. Disinnescare l'odio online con la disputa felicedi Bruno Mastroianni, filosofo prestato alla comunicazione e autore anche di La disputa felice. Dissentire senza litigare sui social network, sui media e in pubblico, offre numerosi spunti di riflessione e strumenti analitici dell'era digitale nella quale siamo tutti immersi.

Sinossi del libro

Questo libro non vuole essere un manuale di comunicazione gentile, ma il suo contrario: un corso di "lotta di strada" per imparare a stare nei conflitti quando ci si sente circondati, quando si è fatto qualche passo falso e tutto sembra andare storto. Perché non bisogna aver paura della naturale tendenza umana a litigare, occorre solo guardarla in faccia per quella che è: una forma di violenza (verbale) che è l'ultimo rifugio degli incapaci (a discutere), parafrasando Asimov. In una società iperconnessa che oscilla tra il cittadino "silenzioso" che, per eccesso di politicamente corretto, non ha più voglia di discutere, e il cittadino "urlatore" immobile nelle sue posizioni impermeabili a ogni confronto, abbiamo bisogno di persone che sappiano fare la differenza discutendo. Dalle ceneri fallimentari dei nostri litigi possono nascere, infatti, dispute felici piene di soddisfazione. Basta imparare dagli errori: come quando sbagliamo, anche litigando si impara.


Il libro non non vuole essere un manuale di comunicazione votata alla gentilezza ma suggerisce tattiche, strategie, semplici comportamenti utili a sopravvivere in quella che ormai è diventata per molti una battaglia resistenziale continua, contro la brutalità del linguaggio, le verità alternative, l'odio online e la conflittualità continua. 


Da filosofo Mastroianni cita Aristotele e altri filosofi per sostenere le sue tesi. Ad esempio la non convenienza a discutere con tutti perché farlo con certe persone significa far scadere ogni forma di dialogo e conversazione. gli argomenti diventano scadenti:  «Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi anche essere il campione del mondo ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà impettito come se avesse vinto lui».



Tra i suggerimenti contenuti nel libro:

  • Ignorare le provocazioni per concentrarsi sulle argomentazioni
  • Accettare le ragioni dell'altro e l'altro quando ha ragione
  • Se si ha ragione in parte, adottare quello che dice l'interlocutore adattando le proprie argomentazioni e il modo con cui le si espongono
  • Ricorrere al "dipende"
  • Chiedere sempre le fonti delle cose che l'interlocutore sostiene
  • Chiedere le motivazioni dei suoi giudizi
  • Chiedere spiegazioni per ogni cosa non compresa o che risulta incomprensibile
  • Assicurarsi di essere sintonizzati cognitivamente e semanticamente
  • Assicurarsi sempre di vere argomentazioni valide per le proprie confutazioni
  • Se in difficoltà argomentativa trasformare in forza la debolezza
  • Prestare attenzione al travisamento 
  • Ricordarsi sempre che online non si è mai soli

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

Digitelematica srl

Digitelematica è una software house già attiva in ambienti tradizionali (MF, As...

Vai al profilo

Softec S.p.A.

Leader in Italia nell'ambito del Mobile Computing, per la realizzazione di...

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo