Recensioni (120+) /

Presente continuo (Rushkoff Douglas)

Presente continuo (Rushkoff Douglas)

19 Dicembre 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il titolo del testo (in inglese Present shock) richiama Future Shock di Alvin Toffler e il suo richiamo alle difficoltà che sempre nascono quando grandi cambiamenti si susseguono in un breve periodo di tempo. La velocità di fuga della tecnologia ha trascinato tutti nel tempo presente. Tutti ne siamo in qualche modo consapevoli ma per capirne la sua realtà, gli effetti e le conseguenze servono nuovi orizzonti di senso e di conoscenza. Con il suo libro ricco di analisi e approfondimenti Douglas Rushkoff fornisce ai lettori lo strumento perfetto per capire meglio l'urgenza che guida le azioni presenti e le molte interpretazioni possibili della sparizione del tempo passato e futuro dentro quello presente.

"La nostra società si è riorientata verso il presente: oggi tutto è live, in tempo reale, senza un momento di tregua. Non si tratta di una semplice accelerazione, sebbene il nostro stile di vita e la tecnologia abbiano velocizzato i tempi delle nostre azione; si tratta piuttosto di un ridimensionamento di tutto ciò che non sta accedendo adesso, e dell'assalto di ciò che invece, almeno apparentemente, è il nostro presente più immediato."

 

Autore

Douglas Rushkoff vive a New York ed è professore di Teoria dei Media ed Economia Digitale presso CUNY/Queens. È stato per anni consulente di grandi aziende dievntando una figura di culto della controcultura statunitense come teorico dei media e delle nuove tecnologie. I suoi studi spaziano alla piscologia all'antropologia dei media e suggeriscono idee e visioni su come operare all’interno della cultura digitale senza soffrire degli effetti negativi della tecnologia e delle transizioni causate dai nuovi media. Nuove tecnologie e nuovi media hanno creato secondo Rushkoff uno stato di sopravvivenza nella quale siamo chiamati ad agire proattivamente alfabetizzandoci digitalmente. Discepolo di Neil Postman è scrittore e documentarista oltre che commentatore televisivo della CNN sulle tecnologie digitali. Ha scritto una decina di libri tra i quali Present Shock: When Everything Happens Now, Program or Be Programmed: Ten Commands for a Digital Age,  Digital Nation, Life Inc, Cyberia, Media Virus, Playing the Future, Get Back in the Box: Innovation from the Inside Out e Coercion. Tra i più letti Media Virus.  In Life Inc descrive una economia che collassa sotto il proprio peso e economie alternative che puntano ad una società in grado di riacquistare valori reali e meno artificiosi.


Il riferimento del testo è ad Alvin Tofler che nel 1970 diede voce alle preoccupazioni di quanti si sentivano sopraffatti dai numerosi cambiamenti emergenti. Il libro di Rushkoff è meno allarmista e molto analitico perché cambiati sono i tempi e perché il futuro di cui Future Shock aveva trattato è oggi pienamente arrivato. Grazie alle nuove tecnologie tutti possono essere sempre connessi e interconnessi ed accedere, in ogni luogo e momento a qualsiasi tipo di informazione. Questo futuro, che ha compresso spazio e tempo,  non è però arrivato senza effetti collaterali e conseguenze. I benefici e i vantaggi hanno un loro rovescio della medaglia molto sottovalutata e che deve essere compresa nel suo manifestarsi nella forma di ansia, frammentazione del Sé, distrazione e difficoltà a concentrarsi e sparizione sia del passato sia del futuro. Con il suo saggio l'autore non si occupa semplicemente di tecnologia, il suo è un viaggio di tipo culturale e sociale alla ricerca dei significati più profondi della nostra interazione con la tecnologia.

Il libro è suddiviso in cinque sezioni (Collasso narrativo, Digifrenia, Sovraccarico, Fractalnoia, Sognare l'apocalisse) , ognuna focalizzata sull'analisi di singoli cambiamenti ma tutte strettamente inserite nel tema principale del testo legato a esperienze quotidiane sempre più legate al presente e a quello che succede ora, nel breve tempo della Rete che impedisce approfondimenti, rimandi, visioni e narrazioni.

Nel tempo presente abbiamo perduto la capacità di assorbire e trarre vantaggio dal passato, un tempo ricco di narrazioni e significati sempre attuali ma che abbiamo sostituito con racconti e messaggi brevi, cinguettii, video e immagini. Sempre più orientata al presente, la nostra società non guarda più avanti, ma aspira al tempo reale e all'immediatezza. Non si tratta di fare le cose più veloci ma di ridimensionare tutto ciò che non sta accadendo ora. A vivere nel presentismo corrente non sono solo gli individui e i consumatori di gadget tecnologici (consumismo usa e getta che assegna più importanza al click dell'acquisto online che all'oggetto acquistato) ma anche la politica, che si esprime sempre più spesso con slogan e affermazioni brevi e adattate al mezzo tecnologico, ma soprattutto avendo perso il legame con verità ed esperienze storiche e la capacità di costruire e proporre nuove visioni future.

Uno degli effetti di questa vita nel qui e ora è chiamato da Rushkoff digifrenia (la spinta tecnologica ad essere in più posti  nello stesso istante) una situazione di caos mentale che produce ansia, distrazione e distacco dalla realtà, in particolare a persone che sono ancora analogiche e che non dispongono di tutti gli skill necessari a navigare i territori digitali.  Sono persone che non possono non rispondere al tempo presente dello squillo del loro smartphone e che hanno perso la capacità di valutare adeguatamente l'importanza di ogni interazione tecnologica o contenuto digitale. Gli effetti del tempo presente, descritti come fractalnoia (il tentativo di dare a ogni cosa un significato presente), si manifestano in tutte le generazioni e in particolare in quelle i nativi digitali alla ricerca dell'eterna giovinezza, della comunicazione trasformata in messaggi marketing e della relazione intesa come connessione e interazione continua, alla ricerca di gratificazioni e di Like.

Lo shock da tempo presente, non è necessariamente imputabile alla tecnologia ma piuttosto alle scelte che ognuno fa nell'utilizzarla e nell'accettare di essere trasformati in semplici algoritmi e profili digitali che finiscono per essere gestiti dal tempo della macchina e dai proprietari delle piattaforme tecnologiche, alla continua ricerca di tornaconti e guadagni economici e commerciali. Questo shock trova nelle parole dell'autore una vitalità sua propria che suggerisce di continuare la lettura e di proporla a figli, nipoti e nativi digitali. La vitalità deriva dall'aver abbandonato le ideologie contrapposte che solitamente accompagnano gli utilizzatori della tecnologia per suggerire innumerevoli spunti di riflessione sull'era digitale utili a capire se il presente attuale è il futuro che avevamo previsto e atteso o semplicemente il punto di arrivo di una visione senza più respiro, privata di ogni nuovo futuro o di un futuro migliore.

 

Il presente percepito come l'unico tempo da vivere non è un tempo della maggiore consapevolezza e serenità. Al contrario è un tempo fatto di distrazione in aumento, di realtà e verità ignorate, di crescente difficoltà ad uscire dalla improvvisazione per dare forma a nuovi progetti e programmi, di incapacità a trovare punti di ancoraggio stabili in ogni qui e ora, sempre superati dall'assalto istintuale di nuovi impulsi e imposizioni simultanee.

CONSIGLIATO PER TE:

Il potere delle parole

Nell'ultima sezione del libro, l'autore cerca di suggerire quali approcci usare per evitare l'apocalisse e per regolare le aspettative individuali in un mondo che ha cancellato il futuro e quindi anche la capacità di misurare i progressi e la volontà di impegnarsi per un futuro diverso. Per farlo bisogna praticare l'arte antica della pazienza. La lentezza e il saper prendersi delle pause favoriscono la riflessione e il pensiero, il recupero dei ritmi naturali che un tempo definivano la biologia e la psicologia umana e la ricerca di un nuovo equilibrio non dettato dalla tecnologia.

Il libro di Rushkoff non contiene analisi semplicistiche. I concetti espressi sono originali e sempre approfonditi. L'approccio è divulgativo ma alcune tematiche sono complesse e richiedono una lettura attenta. Fortunatamente lo stile della scrittura rende divertente, facile e coinvolgente la lettura.

Il libro di Rushkoff non avrebbe potuto essere scritto con una serie concatenata di cinguettii. Così come lo scrittore si è preso molto tempo per scrivere il suo libro, il lettore è chiamato a prendersi tutto il tempo necessario resistendo all'assalto di richieste rivolte alla sua attenzione, a "creare uno spazio sicuro per la riflessione senza interruzioni, a dare ogni momento nè più nè meno il valore che si merita, di tollerare l'incertezza e resistere alla tentazione di creare collegamenti e conclusioni quando è troppo presto."

Imparare a premere il tasto di pausa nel qui e ora del presente continuo dell'immediatezza e della simultaneità significa poterlo fare anche per sempre nuove ripartenze. Un modo per ricominciare creando nuovo futuro.

 

Scheda libro

Titolo intero: Presente continuo - Quando tutto accade ora

Titolo originale: Present Shock - When everything happens now

Genere: Scienze pure

Listino: 22,00

Editore: Codice Edizioni

Collana: Present Shock: When Everything Happens Now

Pagine: 270

Data uscita: 24/04/2014

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


NewsCinema

NewsCinema è una testata giornalistica online su www.newscinema.it e...

Vai al profilo

Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

SANMARCO INFORMATICA SPA

Sanmarco Informatica opera nel settore dell'informatica da oltre 20 anni con...

Vai al profilo

Soft! e Oscar

Siamo un Team, con sede in Abruzzo, che si occupa della pianificazione, progettazione e...

Vai al profilo