TECNOFILO

09 Aprile 2021 Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
Etica e tecnologia
share
tecnofilo - La tecnofilia (dal greco τέχνη, technē, "arte, capacità, saper fare" e φίλος, philos, "amato, caro, amico") è un termine sociologico con il quale si indica “un atteggiamento culturale e psicologico di chi nutre fiducia o prova entusiasmo nei confronti della tecnologia, soprattutto verso le nuove tecnologie (personal computer, Internet, media sociali. Home entertainment, TV, ecc.) che si prospettano sul panorama tecnologico.”(Wikipedia1).

[Tec-nò-fi-lo] 

OLTREPASSA CON NOI
➡️ Linkedin ➡️ Facebook 
➡️ instagram ➡️ twitter

Il Tecnofilo è un appassionato della tecnologia, delle sue realizzazioni e degli ultimi ritrovati tecnologici, ha una visione ottimistica e, a volte, trionfalistica delle potenzialità delle tecnologie dell'informazione, come Internet e i media sociali. Crede nella capacità taumaturgica, democratica e anti-autoritaria della tecnologia. E' convinto che la tecnologia abbia prodotto il progresso e un miglioramento radicale delle condizioni di vita, è un consumatore avido di oggetti tecnologici e spesso acquirente compulsivo di prodotti tecnologici non propriamente e non necessariamente utili. 

Il tecnofilo è solitamente contrapposto, con un approccio riduzionista e sbagliato, al tecnofobo.

Tra il primo e il secondo esistono in realtà gradazioni diverse con posizioni teoriche e pratiche di vita più riflessive e critiche che meritano altrettanta attenzione e considerazione. Queste gradazioni definiscono livelli diversi di tecnofilia e descrivono una relazione con la tecnologia sempre un po’ conflittuale e contraddittoria, di amore e odio, di esaltazione e di timore, di utopia visionaria e paura catastrofista. 

Il tecnofilo più entusiasta è noto anche come Geek (persona solitaria affascinata dalla tecnologia) e/o Nerd. Il Geek (lo sono Alan Turing il padre della scienza dell'informazione, Tim Berners-Lee inventore del world wide web, Ralph Baer il padre dei videogiochi, Dennis Ritchie creatore del linguaggio di programmazione 'C', Michel Hart creatore dell'e-book, , Shawn Fanning creatore di Napster, Bram Cohen inventore di BitTorrent, Kevin Kelly fondatore della rivista Wired) è solitamente un tecnofilo fanatico o una persona con conoscenze informatiche (tecnologie della informazione) superiori alla media. Il Nerd (Bill Gates, Steve Jobs, Melissa Meye, Albert Eistein, Jack Dorsey, Jimmy Whales, Tina Fey, Tom Anderson, Mark Zuckerberg, Ben Stein, Michael Dell, Steve Urkle, Linus Torvalds, Chris Hardwick, George Takei, Kevin Smith, Aisha Tyler) è una persona con una predisposizione verso la scienza e la tecnologia e i nuovi media sociali. Entrambi tecnofili, il primo è un nerd meno abile tecnicamente e con difficoltà a socializzare, il secondo è bravo in entrambe le cose. 

L'arcipelago dei tecnofili è vasto e rappresentato da sottoculture diverse che esprimono l'entusiasmo per l'intelligenza artificiale e la robotica, teorizzano l'arrivo del cyborg post-umano o transumano, celebrano le avanguardie artistiche, le sette dei tecnognostici californiani e il cyberpunk. Tante gradazioni di tecnofilia, tutte tra loro collegate dalla visione di scenari futuri, nei quali la tecnologia avrà un ruolo determinante e positivo per il progresso dell'umanità. Una visione che non sembra preoccuparsi del minore ruolo che l'essere umano potrebbe giocare in questi scenari perchè ormai superato dalle macchine e dalla loro capacità autonoma di evoluzione. 

CONSIGLIATO PER TE:

Tanto gentile e tanto onesta pare

Tecnofile sono anche le posizioni di quanti hanno preconizzato l'avvento di nuove realtà digitali in sostituzione di quelle analogiche e tradizionali precedenti. Tecnofilo si è mostrato Michael Chichton quando nel 1993 ha parlato della morte dei 'mediasauri' ancorati alla carta e l'avvento del libro e del media digitale. 

Tecnofili fanatici e fprse mercificati sono, nei loro atteggiamenti, sempre un po' esibizionisti, narcisisti e arroganti, i fan di Apple che passano le nottate in sacchi a pelo e tende per entrare in possesso del nuovo iPhone o iPad. Lo sono anche tutti coloro che, da 'early adopter' (i primi a adottare l'ultima novità tecnologica, secondo una terminologia coniata da Geoffrey Moore nel suo libro Crossing the chasm) decidono di fare da cavie di nuovi prodotti non ancora completamente testati e sperimentati. Sia i primi sia i secondi si ritrovano ad essere corteggiatissimi dalle grandi marche, molto interessate ai loro profili psicologici e comportamentali per commercializzare meglio i loro marchi.  I tecnofili di questo tipo hanno caratteristiche comuni,  riconducibili al reddito, alle abitudini, di consumo hi-tech, all'apertura mentale, alla stima di se', alla creatività e alla propensione al comando e alla leadership. 

Il comportamento tecnofilo nell’intellettuale o studioso può portare all’apologia della tecnologia e alla sua ideologizzazione, nel consumatore può condizionare processi decisionali di acquisto. Il consumatore tecnofilo tende ad acquistare beni e prodotti tecnologici inutili o complicati, crede nel ruolo della tecnologia nello sviluppo e nel progresso economico e sociale ma anche nel dare forma a una società più libera e democratica perché più ricca di opportunità e di beni. 

Il tecnofilo non è cieco di fronte agli effetti negativi della tecnologia e ai suoi effetti collaterali ma non ne fa un problema e cerca di superarli con altre scelte di tipo tecnologico.

Al tecnofilo non farebbe male fermarsi un attimo a riflettere criticamente sul suo rapporto con la tecnologia con l'obiettivo di acquisire una maggiore consapevolezza del ruolo che essa ha nella sua vita personale e sociale, lavorativa e professionale. 

 

Autore

Carlo Mazzucchelli

Dirigente d'azienda, filosofo e tecnologo, Carlo Mazzucchelli è il fondatore di SoloTablet, un progetto dedicato a una riflessione critica sulla tecnologia.

Esperto di marketing, comunicazione e management, ha operato in ruoli manageriali e dirigenziali in aziende italiane e multinazionali.

Focalizzato da sempre sull'innovazione ha implementato numerosi programmi finalizzati al cambiamento, a incrementare l'efficacia dell'attività commerciale, il valore del capitale relazionale dell'azienda e la fidelizzazione della clientela, attraverso tecnologie all'avanguardia e approcci innovativi. Giornalista e storyteller, autore di 16 ebook, formatore, oratore in meeting, seminari e convegni.

È esperto di Internet, social networking, ambienti collaborativi in rete e strumenti di analisi delle reti sociali.

Autore di 20 libri sulla tecnologia (Collana Technovisions Delos Digital)

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo

Twinbo snc

Twinbo è un'azienda giovane e dinamica, specializzata nello sviluppo di applicazioni...

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

Michael Rovesti

Mi chiamo Michael Rovesti sono un developer alle prime armi di Reggio Emilia questa è la...

Vai al profilo