Tabulario /

🌑🌒 Si sta male dentro e non si solidarizza più

🌑🌒 Si sta male dentro e non si solidarizza più

05 Gennaio 2021 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Molte realtà che frequentiamo sono come dei caterpillar, capaci di condizionare, forse anche di distruggere, la nostra vita emozionale e farci stare male dentro. La responsabilità non è degli strumenti che usiamo ma il modo con cui ci siamo ibridati con loro, subendoli e servendoli o semplicemente usandoli in modo poco consapevole e acritico.

Frequentando i mondi tecnologici abbiamo declinato i nostri tempi a un continuo presente che ci suggerisce di non occuparsi più del passato e di non farlo neppure per il futuro. E' una scelta che evidenzia la scomparsa della speranza e la paura crescente a guardarsi dentro. Meglio lasciarsi andare all'evento, all'attimo fuggente di un MiPiace, al momento illusorio del tempo reale, meglio farsi coinvolgere in comunicazioni e scambi digitali che permettono di non preoccuparsi di cosa si sta comunicando o scambiando e del suo significato.

Evitiamo così di entrare in dialogo con noi stessi, di riflettere su quello che abbiamo fatto e anche su quello che abbiamo intenzione di fare o abbiamo già fatto. Il risultato è che si sta male dentro e non si pratica una delle potenziali soluzioni per stare meglio: la solidarietà.

Nella società globalizzata dalla tecnologia ma frammentata socialmente, tutti siamo diventati monadi digitali, in difficoltà respiratoria, sempre più isolate, chiuse e sole.

Un tempo le difficoltà individuali, le sofferenze, i conflitti sul posto di lavoro, erano motivazioni forti per solidarizzare, oggi si sta male dentro ma non si solidarizza più. Non si fa comunità, non ci si organizza insieme per avere maggiore forza di opporsi, di difendere diritti e libertà, di protestare e sollevarsi, per stare bene insieme.

Sconfitti, delusi, isolati, sempre più (tecno)cinici, come Alice nel paese delle meraviglie, corriamo più che possiamo per rimanere nello stesso posto, incapaci di correre il doppio per andare da qualche altra parte o in modo diverso per non stare fermi.

Fermi, sul posto, si sta male dentro. Non lo si racconta per paura di scoprire che anche gli altri stanno male. Lo si nasconde anche a sé stessi, come fosse la soluzione pur sapendo che la soluzione non è!

La soluzione esiste, è a portata di mano, raggiungibile, senza eccessivo sforzo. Obbliga soltanto a guardarsi dentro, essere sinceri con sé stessi, recuperare l’empatia della solidarietà e soprattutto fare delle scelte.

Ci serve un UMANESIMO DIGITALE

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

Soft! e Oscar

Siamo un Team, con sede in Abruzzo, che si occupa della pianificazione, progettazione e...

Vai al profilo

Arsenal S.R.L.

Simulatori e visual simulation immersiva ad elevata interattivita' - con software di...

Vai al profilo