Crisi e cambiamento

01 Aprile 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share

Il libro di Carlo Mazzucchelli La civiltà del vento al tempo del coronavirus è pubblicato nella collana Technovisions di Delos Digital.

Crisi e cambiamento 

Ognuno di noi ha vissuto delle crisi dalle quali è uscito attuando qualche adattamento o cambiamento, salvaguardando ciò che funzionava e riconoscendo ciò che andava cambiato. Nei comportamenti, nelle abitudini, negli stili di vita e nei valori. 

La crisi è sempre un momento di verità, un punto di svolta, anche se a volte può risultare in una semplice capriola o giravolta. Sempre comunque c’è un prima e un dopo separati da realtà differenti. 

CONSIGLIATO PER TE:

Resistenza e resilienza

Nell’accettare la sua sfida è sbagliato non riflettere che ogni crisi non nasca dal nulla, è il risultato di mutamenti evolutivi iniziati anni prima (Jared Diamond[1]). A volte si capisce che è una crisi solo dopo averne presa coscienza. Non è un caso che migliaia di italiani, in piena crisi, abbiano inconsapevolmente o stupidamente popolato piste da sci, vie dello shopping e delle apericene cittadine lombarde, contribuendo alla diffusione violenta del coronavirus. 

Prendere consapevolezza della crisi attuale non è sufficiente. 

È necessario prendere atto di vivere una crisi allargata, da fine dei tempi direbbe il filosofo, senza prenderlo troppo seriamente. La crisi determinata dalla diffusione di malattie contagiose va collegata, alla crisi ambientale, del modello economico turbo-capitalista corrente, alla scarsità di risorse, alle disuguaglianze. 

Ognuna ci obbliga ad agire, ma finito il contagio, è probabile che insorga la voglia di festeggiare più che quella di approfondimento e di riflessione. 


[1] Jared Mason Diamond (1937) è un biologo, fisiologo, ornitologo, antropologo, geografo statunitense.  Noto a livello mondiale per il saggio Armi, acciaio e malattie del 1997, un’opera nella quale esplora i fattori geografici, culturali, ambientali e tecnologici che portarono alla dominazione della cultura occidentale sul mondo e ipotizza un nuovo tipo di storia basato sulla scienza che può formulare previsioni piuttosto che semplicemente descrivere “un maledetto fatto dopo l'altro”. Nel 2018 ha pubblicato Crisi, come rinascono le nazioni.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database