Lifestyle /

Lo dice Kotler, non svendete i vostri dati

Lo dice Kotler, non svendete i vostri dati

25 Giugno 2021 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
E' considerato il padre del marketing. Tante generazioni di professionisti sono cresciute con la sua bibbia ma quanti esperti di marketing attuali sono disponibili a riflettere seriamente sulla privacy, sui Big Data e sui modelli di business che li sostengono? Kotler manda un messaggio chiaro a tutti: "cari consumatori, non svendete i vostri dato". Secondo Kotler è necessari porre limiti a ciò che le aziende sanno di noi e serve più privacy. Quanti sono d'accordo e quanti sono disponibili ad agire affinchè la situazione attuale cambi?

Che a richiamare attenzione e riflessione sulla perdita della privacy sia uno splendido novantenne di nome Kotler non è solo interessante ma anche un segno dei tempi. Tempi nei quali la privacy viene ormai considerata una battaglia persa e quindi non degna di essere neppure combattuta. Indice di quanta scarsa sia la comprensione dei fenomeni in corso governati e resi possibili dalla tecnologia e soprattutto degli effetti che ne derivano sulla vita individuale di tutti, nella loro veste di consumatori ma anche di cittadini e forse anche elettori.

Kotler con le interviste che sta rilasciando per promuovere il suo ultimo libro, Brand Activism invita a riflettere su quale debba essere l'equilibrio tra personalizzazione dei messaggi e invasione della privacy6 del consumatore, su come conciliare la responsabilità sociale con l ricerca dei profitti. Un invito condiviso ancora da pochi e che si colloca nello spazio dell'etica della tecnologia. L'invito viene da chi è stato uno dei pionieri del database marketing, della profilazione e della personalizzazione.

Nell'epoca delle intelligenze artificiali, dei chatbot e delle automazione dei processi, Kotler rimarca il ruolo fondamentale dell'intrervento umano in tutti gli uffici di marketing, quelli che ancora (r)esistono in aziende che, perseguendo innovazione e creatività, non si sono ancora arrese allo storytelling conformistico dei social e della tecnologia perchè ritengono insostituibili i professionisti del marketing che ancora oggi operano impostando e influenzando le famose quatto P del marketing.

Kotler offre anche spunti di riflessione sul capitalismo attuale, riaffermando che una impresa o business non possa prosperare semplicemente per garante profitti agli azionisti. Accettare questo principio infatti porta necessariamente a pagare salari minimi ai dipendenti e alla manodopera, a scegliere i fornitori più economici per contenere i costi. Kotler punta al contrario su modelli di business in grado di premiare tutti gli stakeholder.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


ePERFECTMAGAZINE

eMAGAZINE - " cose che non leggi altrove" il FREE magazine che ti racconta di arte, moda...

Vai al profilo

Mavigex s.r.l.

Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

Vai al profilo

MSREI s.r.l

MS REI s.r.l. è un'azienda specializzata nel mondo degli investimenti. Nata come...

Vai al profilo

Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo