Tecnobibliografia /

Coronavirus, paura, angoscia

Coronavirus, paura, angoscia

25 Febbraio 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Segnaliamo un'intervista al filosofo Umberto Galimberti sul Coronavirus e le paure che sta generando. Secondo Galimberti il coronavirus è la tempesta perfetta perchè mescola la paura con l'angoscia

L'intervista è stata proposta al filosofo dal quotidiano l'Adige.

Professore, il coronavirus unisce paura e angoscia, termini che lei studia da sempre.
Sì, è così. Con una differenza sostanziale tra i due aspetti. La paura, infatti, è un ottimo meccanismo di difesa, perché siamo di fronte a un soggetto determinato. L’angoscia invece subentra quando non si capisce da dove viene il pericolo. Non c’è un soggetto chiaro davanti a noi, ma un nemico che non si vede. I bambini, non a caso, non hanno paura ma provano angosce,

Per questo lei fa un paragone tra la diffusione del virus e il terrorismo.
Sì, perché il terrorismo ci colpisce all’improvviso, con modalità che non ci aspettiamo.

Lei giustifica così il terrore generale che ha colpito tante persone. La tentazione è di isolarsi, di sospettare dell’altro.
Gli eccessi di angoscia portano a comportamenti pazzi, non mirati. Non ci si può difendere dalla diffusione del virus e si finisce per dubitare di tutti, con la conseguenza che i rapporti personali diventano sempre più inquietanti.

Lei personalmente ha modificato il suo stile di vita?
No, le mie abitudini non sono cambiate. Mi sento abbastanza rassicurato e non posso certo penalizzare la mia vita. Vado a tutte le conferenze alle quali vengo invitato: spesso sono luoghi con tante persone e il contatto è molto ravvicinato, come quando ti chiedono di firmare un libro.

 

...per completare la lettura

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Terra dei colori

Storia interattiva, destinata sia ai bambini che ai più grandi La storia di...

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo

DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo