NOSTROVERSO /

🍓🍓Cosa si può fare nel Nostroverso

🍓🍓Cosa si può fare nel Nostroverso

06 Novembre 2023 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Il Nostroverso è una spazio distribuito, esistenziale, analogico, tangibile, un luogo esperienziale di vissuti individuali e sociali. E' un mondo di mondi che contengono altri mondi. Questi mondi di mondi stanno oggi attraversando crisi ricorrenti, sistemiche, multiple e asimmetriche. Sono crisi che toccano tutti i continenti e covano nel sottosuolo per emergere in modi sempre più imprevedibili e dirompenti. Dalla consapevolezza di queste crisi discende cosa oggi sia possibile e doveroso fare: agire resistendo ai metaversi, dispiegare la Vita anche nelle sue vulnerabilità e fragilità, battersi contro la completa digitalizzazione dell'umano, reinventare un nuovo umanesimo capace di abbracciare tutti i pluriversi del Nostroverso, compreso quello tecnologico e digitale, reinventandolo e umanizzandolo.

Chi promuove il Metaverso lo fa spesso raccontando quello che in esso di può fare. Si può Partecipare a un concerto, Organizzare un meeting di lavoro,videogiocare con videogiochi immersivi, Assistere a una sfilata di moda, teletrasportarsi dall'altra parte del mondo e molto altro.Tante opportunità, molte delle quali ludiche, ma mai come quelle rese possibili dall'abitare il Nostroverso incarnato. Il mondo digitale è diventato un grande parco giochi, nel quale divertirsi, giocare, intrattenersi, chiacchierare e soprattutto consumare. E' un mondo del fare cose nel quale l'individuo dimentica l'agire, l'intervento sulla realtà per trasformarla e cambiarla, dopo averla conosciuta e compresa.

Quello del Nostroverso è il mondo dell'agire umano. Un agire oggi compromesso, come ha ben raccontato Miguel Benasayg nel suo libro Corpi Viventi, dall'aver delegato la nostra razionalità, le nostre scelte e le nostre decisioni alle macchine. L'agire umano, nella realtà del terzo millennio, non può però essere quello riduzionistico e lineare della macchina, non può più essere centrato solo sull'umano ma deve saper tenere conto dei pluriversi di cui è composto il Nostroverso, pluriversi umani così come non umani. Ogni agire umano è un agire intenzionale, come tale non delegabile a una macchina computazionale, è un vettore non calcolabile la cui regolazione, flusso, percorso non è mai completamente prevedibile. Non c'è prevedibilità perchè l'umano sta dentro la complessità che è caratterizzata dalle molteplici interrelazioni dei suoi elementi piuttosto che da semplici azioni individuali.

Nel concreto agire dentro il Nostroverso può tradursi in numerose pratiche che ogni persona può fare proprie. Pratiche come quelle suggerite da Carlo Mazzucchelli nel suo libro pubblicato a dicembre 2023 NOSTROVERSO - Pratiche umaniste per resistere al Metaverso.

Pratiche che recitano di:

  • Costruire un nuovo umanesimo
  • Prevenire il collasso per scongiurarlo
  • Pensare criticamente
  • Praticare il dubbio e la libertà di scelta
  • Ridare un senso alle parole
  • Entrare in relazione
  • Tornare al contatto fisico
  • Superare la distanza con la presenza
  • Prendersi cura
  • Coltivare l’attenzione
  • Reimparare ad ascoltare
  • Restare curiosi
  • Immaginare il futuro
  • Ricordarsi di essere cittadini
  • Ricercare la verità
  • Esercitare la lentezza
  • Abbandonare Zoom
  • Demistificare l’onlife
  • Ritornare alla collettività
  • Libertà di scelta e generosità
  • Corrompere i giovani
  • Investire sul benessere psicobiologico dei bambini
  • Investire in scuola e educazione
  • Prepararsi a (morire) invecchiare

 

* NOSTROVERSO è un neologismo usato da Carlo Mazzucchelli per elaborare una riflessione critica sull'era tecnologica attuale che nel 2023 ha portato alla scrittura di un libro: NOSTROVERSO - Pratiche umaniste per resistere al Metaverso, pubblicato da Delos Digital. Chi volesse usare il termine è pregato di citare il libro e il suo autore. 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database