Segnalazioni /

La Rete, i Social Network e la scrittura

La Rete, i Social Network e la scrittura

03 Novembre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Segnaliamo un interessante articolo dello scrittore Paolo Giordano, pubblicato nell'inserto della lettura di Repubblica. Il testo descrive un mondo che è ancora, almeno per molti narratori, in uno stato intermedio fra il terrestre e il virtuale. Alcuni si trovano bene, anzi benissimi, altri non si trovano ancora a loro agio. Nella realtà di ognuno nulla cambia perchè la Rete e la tecnologia sono ormai diventati non più un semplice mezzo ma un fine.
Scrive Paolo Giordano nel suo articolo La rete non mi fa scrivere.  pubblicato su La lettura #249 di domenica 04 settembre 2016, che i lettori e gli scrittori, due categorie per lo più refrattarie ai cambiamenti, sono chiamate a fare i conti con la tecnologia che trasforma tutto.La letteratura non è mai stata il luogo del futuribie (ad eccezione della letteratura fantascientifica) ma della memoria.
Per molti scrittori il vero grattacapo oggi è rappresentato dalla evoluzione della Rete. Nessuno mette in dubbio i benefici derivanti dalla massa di infotmazioni messe a disposizione dalla tecnologia ma bisogna interrogarsi se le molteplici ramificazioni della Rete siano state incluse attivamente e con piena soddisfazione nella prosa letteraria. Secondo Giordano solo pochi scrittori spavaldi (Dave Eggers con Il Cerchio o Jennifer Logan con Scatola Nera)hanno provato ad affrontare la mutazione a viso aperto.
Tutti devono fare i conti con la scrittura breve di Twittere e quella dei social network ma  "scialare sui social network aiuta sì a sponsorizzare le proprie attività e a non essere dimenticati per un altro giorno, ma sottrae al contempo idee. Come ogni autore sa, una frase arguta già espressa è ormai consumata; un bel paesaggio fotografato e condiviso dall'iPhone non diverrà una descrizione gloriosa, e una battuta di dialogo udita di straforo e usata per far ridere il gruppo Whatsapp non verrà ripetuta da un personaggio. Ciò che si spende sulla Rete è difficilmente riciclabile in un libro, se non al prezzo di un'onta perpetua per l'autore."
Chi volesse leggere l'intero articolo lo trova a questo indirizzo.
 
comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


PalmoLogix

PalmoLogix is a privately held software company and technical consultancy located in...

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

devAPP

Community italiana di programmatori iOS (iPhone e iPad) e Android. Con devAPP, se siete...

Vai al profilo